L’origine dei modi di dire: in odore di santità

img-302862-etimologia-secao-fixa-revista-caras

Ci sono frasi che abbiamo sempre usato, ma di cui non conosciamo l’origine esatta. In molti casi questo può poi portare a errori d’uso e a trasformazioni senza senso. Qualche giorno fa, mi è capitato di sentire una giornalista parlare di un incidente probabilmente causato dalla mafia e usare la frase “in odore di mafia”. La cosa mi ha disturbato immediatamente, perché era ovvio che fosse una storpiatura del ben conosciuto “in odore di santità”, ma un’adattazione senza senso se si pensa all’origine di quest’espressione.

Due sono le possibili spiegazioni sull’origine della frase, usata per indicare la vicinanza alla santità di alcune persone. La prima, si riferisce al fatto che, a volte, i cadaveri emanano un delicato profumo per qualche ora, più a lungo in casi rari; questo, così come le stigmate profumate di alcuni santi, sarebbe ritenuto un indizio di santità benché non una prova sufficiente per la canonizzazione. La seconda, quella che più mi convince per via delle usanze medievali da cui tanti modi di dire hanno preso spunto, si rifà all’abitudine dei religiosi di andare in giro accompagnati da chierichetti che agitavano turiboli carichi di incenso. Questo si faceva in parte per annunciare l’arrivo del prelato, ma soprattutto per coprire la puzza dovuta alla scarsa igiene che caratterizzava chiunque in quei tempi. D’altronde, quello è anche il motivo della presenza del maestoso Botafumeiro a Santiago de Compostela, uno strumento che doveva coprire l’odore dei pellegrini che, per settimane, avevano viaggiato a piedi e si erano alloggiati dove meglio potevano prima di raggiungere la cattedrale.

Santiago_Catedral_Botafumeiro
Tenuto conto di queste ragioni, cosa può significare l’odore di mafia? Dobbiamo immaginarci i giovani mafiosi spargendo polvere da sparo per annunciare l’arrivo del boss?

Until next and… don’t forget to keep being naughty, Knotty surely will!!!

Leave a comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: