“One year of love” for my blog part 2

cassette-tape

Click on the cassette to hear the recording

 

 

download

Click on the link to read the transcription

 

 

UK-flag

Click on the link to read the full English text. The central part in Italic is the one that was originally in French

 

 

Un homme qui parle trois langues est trilingue. Un homme qui parle deux langues est bilingue. Un homme qui ne parle qu’une langue est anglais (C. Gagnière)

As promised, here you have the second installment of the anniversary post. My special guest, Alec, has shaken the foundations of my ideas about bilingualism. If I still feel as mine Helen Campbell’s quote “bilingual, whatever that means,” now I can also definitely say “bilingual, I know who that is.” In a very friendly way, and sipping a delicious French rosé, Alec shares with us his experience as a bilingual person native of English and French: how he was raised, how he interacts with his family, what happens in his head when he speaks one of the two languages, and what happens when he approaches a new one. Finally, he shares his personal view of French and British schools. You cannot see my face, but I can promise that I didn’t frown my lips even once when we said the word bilingual. After knowing him since a almost a year, I can tell that, if someone can use that word to describe himself, that’s definitely Alec.

I would like to thank him once again for participating in this project. After two years on radio, some years ago now, I still cannot hide my stage fright at the beginning of a recording, but we both get immediately comfortable and forget that we are even going on tape. To conclude, I think fair to also thank Alec’s flatmate and his dishes who play a cameo, as you can hear. As always, this is an open space so, please, don’t be shy and send your comments.

“One year of love” for my blog

pooh bear 1 year old birthday cake

1694_bandiera-italiana

 

Cliccate sulla bandiera per la versione italiana

 

Just one year of love is better than a lifetime alone (One year of love – Queen)

I’ll look back on myself and say “I did it for love” (It’s a hard life – Queen)

It is incredible, even for me, to think that this blog, my baby, already reached its first anniversary. A year is long, and full of events and changes, and so it has been for Une belle infidèle! Plenty of subjects, several posts, all marking my life, one way or another. One year has passed and, to celebrate that, I was planning to write about bilingualism, with a special guest and all the rest. Unfortunately, my guest cannot attend the planned session, so this project is now hopefully going to be divided in two entries: this one, to be released on the actual date of the anniversary, and a second one, as soon as I can manage to interview my guest.

The older readers and followers already know my opinion about bilingualism, but for the sake of this analysis, and because some distinctions are necessary depending on the cases, I am going to use the terms bilingual and bilingualism in the scientific sense, without judgments on my part. For this post, I am going to analyse different examples of people who grew up in a bilingual or multilingual environment. It is not meant to be a scientific research, because I have not followed this process myself, but I just asked the different people to tell me about their own experiences. Of course, I have myself been raised in a bilingual environment, because two languages were spoken in my house and also outside, by the rest of the community. I consider myself a native speaker of both Italian and Sardinian, although, as I already explained in this same blog, my knowledge of these languages is uneven. Timewise, I should say that I learnt both languages at the same time, with my parents speaking mainly Sardinian, and my brothers mainly Italian (they were already 10 year old when I was born, so already fully immersed in a monolingual learning environment that was also soon going to become mine.)

The situation had been, of course, completely different for my parents during their childhood. My lovely father, who still struggles understanding what a blog is, was happy to talk about the way he was raised, linguistically speaking, and also to cast some light on my mother’s childhood, according to what he can have learnt from her. Gino was raised with Sardinian as mother tongue; in his own words, there was no other language spoken at home, and if my grandfather was able to speak Italian, dad is not even sure that my grandmother could. We are talking about the early 30’s, and no one used to speak Italian at all, although they could understand it, because, asked about it, my dad confirmed that the mass was in Latin, but the sermon in Italian. My father had his first contact with Italian when he started the elementary education but, without even thinking about it, he immediately said that, apart from the few months that he spent in Piedmont, he actually started speaking Italian only when he was dating my mother, at the end of the 60’s, when he was almost 40 years old. This was the first time that I realised this truth, and I am amazed by the situation, and by him. His level of Italian is remarkable, he is a native speaker, no doubt about it, and, with the exception of some Sardinian-like grammar structures, he doesn’t mix the two languages. He is absolutely comfortable with both of them and, if he defaults to Sardinian, it is a choice, not a necessity to be able to express himself.

My mother’s case is different, she was raised with mainly Italian spoken at home, my grandfather being Tuscan and not having any knowledge of Sardinian whatsoever. The result was that Italian was spoken at home, and also the rest of the family from my grandmother’s side (grandparents, aunts, uncles and cousins) had to deal with that and default to Italian when grandfather Santi was present; moreover, during her childhood, my mother also used to spend several months every year in Tuscany with the other half of the family, in a monolingual environment in which Italian was the only spoken language. This is the reason why also my dad had to start speaking Italian constantly. Despite of this, I basically remember my mother mainly speaking Sardinian with my aunts and uncles, and also with my dad.

We were raised in a completely different way, in three different periods, with the result that Sardinian, despite the two separate cases, ended up being the main language for both my parents, while Italian is definitely the dominant one for my brothers and me. To be more specific, we are all native speaker of both languages, but I don’t consider myself completely bilingual. It is not only because I never studied Sardinian and can’t write it, it is also because I am fluent as far as I know, but I never really spoke about too complicated matters in Sardinian, it being the language I use to communicate with my family and, sometimes, my friends. For sure, Italian and Sardinian are completely separate for me, and so are for my brothers; if we use both languages together, it is consciously, because we prefer a specific word in the other language, because we always use it like that, or because we know that the other people will understand; on the syntactic level, instead, the distinction is complete. For our parents, as I said, lexically speaking, the situation was not different from ours, with conscious choices but, syntactically speaking, there often is, or was, a mix of grammar structures, with Italian sentences being sometimes formed using the Sardinian rules.

I know you think that this is just a post about my family and Sardinian in our own town, but it is more than that, with some friends who were kind enough to accept to share their experience with me, and with all of you; so, get ready for some very colourful examples. I guess it is fair to start with Alejandro, native speaker of Spanish and Galician, whose experience is similar to my personal one. He was brought up speaking Galician with his grandparents, and Spanish with his parents, but the situation is slightly different, because in Spain it is compulsory to teach 50% of the subjects in the co-oficial language of the region. When I asked him if he thinks he mixes the two languages, or used to mix them when he was younger, he definitely said that he does it consciously, either switching from one language to the other because he realises that he is among Galicians, or because he feels that only a Galician word can express what he is thinking. At that point, we realised that we were both thinking about the word morriña, that has no real translation in any other language.

A definitely more complicated example is Khadi. Native speaker of Arabic, French and Mandinka (Khadi, please correct me if I am spelling it wrong), Khadi is a perfect example of a child educated according to the OPOL principle (One-Person-One-Language), with each one of her parents talking to her using just one language. Her son, Moses, instead, was brought up in a multilingual environment, being in contact, on different levels, with English, French, Creole, Chinese, Arabic, Patois, and Yoruba. At the beginning, at home, especially Khadi used to use more than one language to speak with him, but she decided to stick just to English after a while because she felt that the child was mixing too much. Despite the fact that only English was spoken at home, Moses was still in contact with the rest of the languages, even Mandinka when talking with his grandmother. As a result, he can understand basic Chinese, Arabic and Mandinka, and fully understand French, which he also studies at school, but fluently only speaks English. When asked if she could do a comparison between her experience as a child, and her son’s, Khadi said that she tended to mix a lot less than Moses used to do or, at least, she did it consciously, while he did not.

As I said, this post wanted to be an introduction, and a more serious approach to bilingualism, without the sarcasm that I can hardly avoid when confronted with this subject. In fact, it is just a collection of experiences that people around me wanted to share, without the systematic analysis and the amount of data that a regular research would give. Hoping that we will manage to work on the second part, that was supposed to be the main one, I want to close adding some

SPECIAL THANKS

First of all, as promised, I want to thank my colleagues from Cagliari, who helped me immediately when I reached out on Facebook looking for bibliographical advice on this post: grazie Claudia Conca, Giorgia Corda, Stefania Giovanrosa e Simona Melis (in rigoroso ordine alfabetico).

Thanks to who participated to my posts with actual chats or interviews, or simply being quoted; especially, thanks to my wonderful dad: the bilingual poet, philosopher and storyteller known by the name of zio Gino.

Thanks to all my followers and readers, including the main inspiration of this blog: during this year you all showed me that it was worth to keep writing posts that were witty, sarcastic, boring, nerdy, romantic, sad, but were always part of me. Thanks for commenting, on the blog, on Facebook or privately, because every little message gave me satisfaction and showed me the way. All of you made me proud of being Une belle infidèle!

Giornata Europea delle Lingue: “Uniti nella diversità”.

EU_lingue

Per un po’ di tempo, mi sono interrogata sull’utilità di questo blog, che sembra ormai un relitto di un passato vicino e incredibilmente lontano allo stesso tempo. L’idea di cancellarlo mi ha sfiorato, e abbandonato in una frazione di secondo. L’opzione di abbandonarlo, invece, è stata coccolata più a lungo, ed si è riproposta anche ieri. Non sarebbe il primo esempio di un progetto che, nato con tutta l’euforia del principio, muore naturalmente, divorato dal tempo, la frenesia e i cambi inevitabili. Ma, direbbe Rossella O’Hara: “Dopotutto, domani è un altro giorno”, ed eccomi qua, all’indomani, proprio di ritorno, nuovamente alla tastiera (capricciosa, devo ammetterlo) del mio nuovo portatile, a cominciare, spero, una nuova stagione di articoli che vogliono apportare qualcosa al mondo delle lingue.

Perché oggi? Potrei rispondere in tanti modi: perché è un giorno libero in cui, alle quattro del pomeriggio, sono ancora a letto e in pigiama, o perché ho trovato un articolo interessante di cui devo parlare immediatamente, ma la verità è un’altra. Oggi è la Giornata Europea delle Lingue, e questo è il mio umile modo di celebrare ciò che considero una delle ricchezze maggiori del mio bellissimo continente, ma anche ciò che ha dato un senso alla mia vita in tutti i suoi aspetti: la diversità linguistica.

1277228_408682935899174_271998520_o

Poco tempo fa, ho letto un articolo che si occupava di questo argomento, e si interrogava sulla necessità o meno di continuare a difendere il multilinguismo in seno all’Unione Europea. Ovviamente, il dibattito nasce dall’idea, non nuova ma periodicamente riproposta, di abdicare alla nostra ricchezza in favore di un’egemonia dell’inglese. Inutile dire verso che opzione pende l’ago della mia bilancia, per motivi di cuore, tradizione e professione: il multilinguismo europeo non si tocca!

Queste non sono le Nazioni Unite, create da un paese centralista ed egocentrico come neppure l’Impero Romano dei tempi d’oro riuscì a essere. Questa non è l’ONU, fondata dai vincitori di un’ennesima guerra. Questa non è un’organizzazione internazionale che rispetta le differenze linguistiche fin quando sono quelle dei grandi numeri e della maggioranza.

Questa è l’Europa, un insieme di paesi con millenni di storia (cruda, violenta, molto spesso vergognosa, non sto giudicando quello) nata dal contatto tra civiltà, dal mutuo arricchirsi delle culture, dallo scambio, sempre prolifico, di conoscenze e saperi. Questo è il continente che ha scelto di basare la propria politica linguistica sul concetto dell’essere “uniti nella diversità”. Questa è l’organizzazione internazionale che ha deciso di comunicare coi propri cittadini, facendo arrivare loro le decisioni nelle loro lingue.

Varie sono le domande, legittime, che l’articolo dell’Economist ci propone. Prima fra tutte, perché dovremmo rinunciare al plurilinguismo? Non per un motivo culturale, le nostre tradizioni sono infatti difese dall’attuale organizzazione europea. Non di certo per un motivo economico; non solo la DGT (Direzione Generale per la Traduzione) e lo SCIC (ora DG Interpretazione) danno lavoro a un numero enorme di traduttori e interpreti e aiutano a proteggere delle professioni troppo spesso svilite, ma i loro servizi hanno anche un prezzo irrisorio per le tasche dei contribuenti: i servizi di interpretazione hanno un “costo complessivo inferiore a 50 centesimi all’anno per cittadino europeo. La DG Interpretazione da sola costa ai contribuenti 21 centesimi per cittadino/anno”, secondo quanto ci dice lo stesso SCIC (mi costa non chiamarlo più così).

Ma ci si chiede anche perché, dovendo propendere per un’egemonia linguistica, dovremmo inclinarci per l’inglese, una lingua che, non solo è minoritaria nel nostro territorio, ma è anche vista da tanti come simbolo di ciò che l’Europa non vuole? A dire il vero, la risposta sembrerebbe “Perché sì” o, per meglio dire, non c’è un vero motivo, si dovrebbe fare perché tutti lo fanno, importante criterio che non ha mai portato nessuno a fare delle scelte sbagliate!

Vi voglio lasciare con questi spunti di riflessione, e citando il sito del nostro Dipartimento Politiche Europee:

“Il multilinguismo è uno dei principi fondamentali dell’Unione Europea sin dall’inizio del processo di integrazione. La coesistenza armoniosa di molte lingue in Europa è un simbolo forte dell’aspirazione dell’Unione Europea a essere unita nella diversità, uno dei fondamenti del progetto europeo. Le lingue definiscono le identità personali, ma fanno anche parte di un patrimonio comune. Possono servire da ponte verso altre persone e dare accesso ad altri paesi e culture promuovendo la comprensione reciproca. Una politica di multilinguismo positiva può migliorare le opportunità nella vita dei cittadini: può aumentarne l’occupabilità, facilitare l’accesso a servizi e diritti e accrescere la solidarietà, grazie a un maggior dialogo interculturale e una migliore coesione sociale. Vista con questo spirito, la diversità linguistica può diventare una risorsa preziosa, soprattutto nel mondo globalizzato di oggi.”

Spero che questo sia solo un arrivederci a presto. D’altronde, fra pochi giorni è San Girolamo, che traduttrice sarei se non ne tenessi conto!

“Bilingual… whatever that means!”

UK-flag

Click on the flag to read the English version

Come promesso nell’introduzione, eccomi qua con uno dei temi più difficili: il bilinguismo. So benissimo di essere un’estremista su questo punto, e sono, senza dubbio, in buona compagnia (chi cito nel titolo è solo uno dei tanti esempi; qualcuno di voi avrà sicuramente riconosciuto la mitica, non sempre in senso positivo, Helen Campbell). Inoltre, non penso di poter esaurire il tema con questo post, ma voglio almeno iniziare, sperando che apra una piacevole discussione.

Per me, bilingue non è altro che un’etichetta vuota se riferita a una persona. Tutti la usano, ma nessuno le attribuisce lo stesso significato; molti, addirittura, le danno una connotazione diversa in base al momento e al discorso. Lo stesso Freddi, nel suo Psicolinguistica, sociolinguistica, glottodidattica. La formazione di base dell’insegnante di lingue e di lettere, in un unico paragrafo, ci definisce bilingue come “colui che conosce perfettamente l’italiano e il tedesco, l’italiano e l’inglese, l’italiano e lo spagnolo, ecc.” (il grassetto è mio), per poi dirci che “il bilinguismo può essere, per così dire, totale o parziale”. Come possiamo, mi chiedo, combinare perfettamente e parziale? Spesso, inoltre, e come si vede anche in Freddi, per capire a cosa ci si stia riferendo, a bilingue bisogna aggiungere un aggettivo (b. parziale, b. precoce, ecc.). Se Freddi non mi lascia nulla chiaro, il dizionario Treccani non mi aiuta comunque, visto che, alla definizione 2.a, afferma che bilingue è colui “che usa normalmente e correntemente due lingue”. Perfetto, a me questo dice poco o niente, perché praticamente tutte le persone che ho conosciuto durante la mia vita corrispondono a questa descrizione. Quindi, mi trovo in una situazione in cui tra persona e bilingue dovrebbe esistere una relazione di iperonimia che non ho mai visto riscontrata nella  realtà.

Lasciamo ora da parte la teoria e prendiamo degli esempi concreti. Vorrei iniziare con la situazione di noi sardi: dovremmo essere considerati bilingui, perché parliamo da sempre sia il sardo che l’italiano e li abbiamo imparati in contemporanea. Quanti di noi, però, possono davvero usare le due lingue indifferentemente in qualsiasi contesto? Ben pochi, che, di solito, coincidono con coloro che hanno studiato il sardo all’università. Vi cito come esempio una conversazione con il mio adorabile papà; è un dialogo risalente a qualche giorno fa e dedicato ai cambi nel gusto che arrivano a una certa età (come ho già detto nell’introduzione, non ho studiato il sardo: per le mie trascrizioni, mi baso su poche regole che conosco, e qualsiasi correzione è, quindi, benvenuta):

Originale Italiano
Gino: Casi ca prima no mi praxiada su pisci a budhiu, e immui no mi arrachediri.

Emma: Ma cussu no bolli nâi nudha, sceti ca immui ses sanau.

Gino: Naras tui ca fia mobadiu candu mi arrachediada?

Emma: Mi parriri aici atotu.

Gino: No nç’at mabi!

Gino: Prima mi piaceva da morire il pesce lesso, e ora non mi va proprio.

Emma: Quello non vuol dire nulla, solo che sei guarito.

Gino: Dici che ero malato prima, quando mi piaceva?

Emma: Direi proprio di sì.

Gino: Andiamo bene! 

Come potete vedere, la conversazione è avvenuta in sardo, e il sarcasmo era presente e condiviso da entrambi, cosa da non sottovalutare quando si parla di competenze in una determinata lingua, ma questo non mi rende assolutamente bilingue, perché in sardo non potrei trattare un’infinità di argomenti che comunque conosco. Mio padre è, senza dubbio, molto più vicino di me all’utopistico bilinguismo, perché le sue competenze linguistiche in italiano e sardo praticamente coincidono, e potrebbe virtualmente parlare di quasi tutti i temi che conosce in entrambe le lingue. Ma, per la stragrande maggioranza di noi, ciò non accade. Quindi, più precisamente, ci troviamo di fronte a un fenomeno di diglossia (nel caso di mio padre, di gran parte della sua generazione e di molte generazioni successive alla sua), o di dilalia (nel caso della mia generazione e di quelle vicine alla mia). Il fatto che spesso si parli di bilinguismo con diglossia non fa che rafforzare la mia opinione di bilinguismo come di un termine‑contenitore che ingloba tutti i vari fenomeni che si riconducono al  parlare due lingue ma senza indicare, di per sé, nulla di chiaro.

Ovviamente, non posso non citare l’esempio di chi semplicemente studia una lingua straniera a scuola, iniziando dai sei anni. Ne parlo perché, quando ancora studiavo a Cagliari, mi capitò di assistere a questa discussione surreale. Una persona, senza nessun parente o contatto straniero, e che non aveva mai risieduto all’estero, cercava di imporre la propria traduzione inglese ad altri colleghi, anche con un certo disprezzo. Era così sicura di aver ragione? Certo, e questo perché, a suo dire, era bilingue: aveva studiato inglese fin dalla prima elementare! Non conosco bene la situazione attuale delle scuole, né dell’insegnamento della lingua straniera ai bambini e ai ragazzi, ma sì ciò che ho vissuto io, e quindi anche lei. Io non ho studiato la lingua straniera dalla prima elementare, ma altre persone vicine a me l’hanno fatto, e non avevano né un livello più alto del mio, né una pronuncia migliore (considerando il mio livello di francese all’epoca, questo non è per niente un complimento). Siamo sicuri, quindi, che questa persona si potesse definire bilingue solo per quel motivo? È vero che imparare una L2 nei primi anni di vita può portare a risultati infinitamente migliori, ma stiamo parlando di situazioni in cui si impara la lingua nella sua totalità, e con una certa immersione nell’ambiente culturale, non di due ore a settimana con insegnanti che sono italiani e che, se si è fortunati, hanno imparato la lingua con qualcosa di più di un mini corso di aggiornamento.

Certo, ci sono tanti casi diversi, generalizzare è sempre un errore. Tanti colleghi si trovano in una situazione simile alla mia, hanno vissuto per tanti anni all’estero e hanno studiato lì traduzione e interpretazione. I più fortunati, hanno potuto comunque lavorare verso la propria lingua materna; altri, si sono dovuti accontentare di averla come langue source o, come nel mio caso, hanno dovuto incrociare le combinazioni. Mi ritengo io, per questo, bilingue con lo spagnolo? No, e non ci devo pensare prima di rispondere. Durante gli studi salmantini mi veniva più naturale interpretare verso lo spagnolo che verso l’italiano, nonostante questa sia la mia madrelingua? Senza dubbio, perché ormai avevo attivato in castigliano il vocabolario dei temi trattati e le strategie che ti salvano in cabina, ma continuavo a inciampare nei particolari più ridicoli, che non sarebbero mai un problema per una persona con spagnolo come L1 (con una certa cultura, ovviamente). Ecco che, per esempio, hoja de ruta era la risposta immediata al sentire tableau de bord, o confidencialidad al sentire privacy; però, c’era una pausa (e, a volte, il suggerimento segreto da fuori, lo ricordo con affetto) al posto di Océano Índico o di Dardanelos. Non erano nozioni astruse che non avrei mai potuto conoscere, sono nomi che si imparano alle elementari e che non verrebbero neppure processati coscientemente in simultanea, ma di cui non si conosce sempre l’esatta pronuncia o grafia in un’altra lingua.

Chissà, magari questo mio rifiuto per la dicitura bilingue non deriva solo dalle esperienze personali con colleghe presuntuose e persone che usano il termine senza cognizione di causa. Probabilmente, deriva anche dalla mia formazione e dal mio ambiente di lavoro. Non ricordo, infatti, da quanto non sento esperti del campo usare questa parola in modo positivo. Spesso, addirittura, “è bilingue” è un eufemismo per “non è adatto a fare l’interprete” (non è la mia opinione, sia chiaro, ma mi è capitato varie volte di vedere questo termine usato in questo modo, e parlerò in un prossimo post dell’essere o no adatto a fare l’interprete).

Per concludere con un po’ di ironia, vi voglio porre una domanda, che è anche una provocazione. Se è vero, come si dice, che “traduttore traditore”, e che, secondo la definizione 2.b del dizionario Treccani, bilingue significa anche “falso, doppio, bugiardo”, pensate che, seppur non adatti all’interpretazione, i bilingui possano quindi essere degli ottimi traduttori?