The tea etiquette – An anniversary post

Dear readers and followers,

My beloved creature, Une belle infidèle!, is three years old, and I thought that what better way to celebrate it than with a proper Afternoon tea? You all know that I am based in London, but that is not all, I am a huge tea lover, and long before moving here my whole being would cringe at the sight of tea served in Italy. Let us then plunge into the foreign traditions and learn how to serve a proper Afternoon tea because, after all, if Italians do not want foreigners to teach us how to cook pasta, why should we assume we know more than the Britons when it comes to tea?

First of all, Tea O’Clock is 4 pm, not 5 as we think in Italy. Of course, with the time difference it becomes 5 for us, but not in Albion. To avoid problems, nonetheless, be assured that an Afternoon Tea is acceptable from 3 to 5 o’clock, 2 to 6 according to some people. Its purpose was to calm the stomach requests between lunch and dinner. If you are familiar with Downton Abbey, you will have seen the tea served in the library on small tables; for that reason, it may be called “small tea.” The now widespread name of “high tea” seems to be wrong and to recall the lower classes; the servants, in fact, would have their tea after the family, as we always see in the series, and they would have it on a high table, hence the high in the name.

Small tea

High tea

What is going to accompany the tea?

That may depend: Sandwiches, scones, cakes, or all the above. Two things seem to be a must: Scones should always be there and cupcakes should never be there! If all the food is included, the order should be sandwiches first, then scones, and cakes at the end. The sandwiches have a long tradition also in literature, as we will see soon, but some aspects must be clearly stated here: no crust, please (as if that needs any explanation;) no huge portions; small triangles, rectangles, or squares (especially if the Royal family is invited.) Why so much talking of cucumber sandwiches everywhere? Because they became the favourite of the Victorian aristocracy who could afford to have a meal with low nutritional value. Oscar Wilde perfectly depicted the emptiness of that period in The importance of being Earnest where he repeatedly named the cucumber sandwiches as the ones especially prepared for Lady Blacknell, the one that represents the aristocracy and the nonsensical social rules of that period. Here you have two extracts of Act I of the play from the web:

ALGERNON   I really don’t see anything romantic in proposing. It is very romantic to be in love. But there is nothing romantic about a definite proposal. Why, one may be accepted. One usually is, I believe. Then the excitement is all over. The very essence of romance is uncertainty. If ever I get married, I’ll certainly try to forget the fact.

JACK  I have no doubt about that, dear Algy. The Divorce Court was specially invented for people whose memories are so curiously constituted.

ALGERNON   Oh! there is no use speculating on that subject. Divorces are made in Heaven –

[JACK puts out his hand to take a sandwich. ALGERNON at once interferes.]

Please don’t touch the cucumber sandwiches. They are ordered specially for Aunt Augusta.

[Takes one and eats it].

JACK  Well, you have been eating them all the time.

ALGERNON   That is quite a different matter. She is my aunt.

[Takes plate from below.]

Have some bread and butter. The bread and butter is for Gwendolen. Gwendolen is devoted to bread and butter.

JACK  [Advancing to table and helping himself.]

And very good bread and butter it is too.

ALGERNON   Well, my dear fellow, you need not eat as if you were going to eat it all. You behave as if you were married to her already. You are not married to her already, and I don’t think you ever will be.

JACK  Why on earth do you say that?

ALGERNON   Well, in the first place girls never marry the men they flirt with. Girls don’t think it right.

JACK  Oh, that is nonsense!

ALGERNON   It isn’t. It is a great truth. It accounts for the extraordinary number of bachelors that one sees all over the place. In the second place, I don’t give my consent.

JACK  Your consent!

ALGERNON   My dear fellow, Gwendolen is my first cousin. And before I allow you to marry her, you will have to clear up the whole question of Cecily.

[Rings bell.]

JACK  Cecily! What on earth do you mean? What do you mean, Algy, by Cecily! I don’t know any one of the name of Cecily.

***

LADY BRACKNELL   I’m sorry if we are a little late, Algernon, but I was obliged to call on dear Lady Harbury. I hadn’t been there since her poor husband’s death. I never saw a woman so altered; she looks quite twenty years younger. And now I’ll have a cup of tea, and one of those nice cucumber sandwiches you promised me.

ALGERNON   Certainly, Aunt Augusta.

[Goes over to tea-table.]

LADY BRACKNELL   Won’t you come and sit here, Gwendolen?

GWENDOLEN           Thanks, mamma, I’m quite comfortable where I am.

ALGERNON   [Picking up empty plate in horror.]

Good heavens! Lane! Why are there no cucumber sandwiches? I ordered them specially.

LANE  [Gravely.]

There were no cucumbers in the market this morning, sir. I went down twice.

ALGERNON   No cucumbers!

LANE  No, sir. Not even for ready money.

ALGERNON   That will do, Lane, thank you.

LANE  Thank you, sir.

[LANE Goes out.]

ALGERNON   I am greatly distressed, Aunt Augusta, about there being no cucumbers, not even for ready money.

LADY BRACKNELL   It really makes no matter, Algernon. I had some crumpets with Lady Harbury, who seems to me to be living entirely for pleasure now.

ALGERNON   I hear her hair has turned quite gold from grief.

LADY BRACKNELL   It certainly has changed its colour. From what cause I, of course, cannot say.

[ALGERNON crosses and hands tea.]

***

Going back to the food of the Afternoon Tea, the scones are served with cream and preserves, usually strawberry jam; from this, comes the other name of the Afternoon tea, which is Cream Tea. There is a lot of talking about how to eat the scones, but it usually is a matter of preferences with some absolute dont’s: The scones can be cut in half with a knife but it is not the best choice; if it is fresh and of good quality, a scone should easily break in the middle, and that is preferable; you can cut little pieces and top them with cream and jam, or cover the whole half, but do not put the two halves back together after, this is not the time for sandwiches anymore!

Cream or jam, what goes first?

It is your choice and the only suggestions depend on whether you follow what they say in Cornwall or Devonshire: Cornish people say that jam goes first, while Devonians prefer their clotted cream to melt on the warm scone and top it with jam. I had my first proper Cream Tea in Devonshire and I still put the jam first because I prefer the cream to keep it original texture. Actually, I had it in Victoria, Australia, before, but that is a shameful stain in my career; I didn’t know the rituals of tea and I fell for the call of cream even if that was scheduled at 11 am (I have so much more to tell about that, but that calls for a whole new post!) So far, we have talked about finger food, definitely no cutlery for the sandwiches and just a knife to spread the cream and jam for the scones. About the cakes, there is no specific selection, but they should be small, easy to eat with the fingers or a small fork. I have already said NO CUPCAKES, although muffins were included in the old days. One thing is sure: Do not plunge your food into the tea! I will share this image that I have taken from Bettys’ website not because I know the place but because it seems to me to properly represent the food of an afternoon tea:

Afternoon

Let’s now talk about the centre of this post: The tea. We live in a world in which even common sense seems to be lost in drinking tea. Tea is an infusion, therefore its strength comes from the length of time that the leaves are left in infusion, fairly obvious! That is what makes it different from coffee, which is brewed with hot water but not left in infusion; the strength of coffee comes from different factors (I am talking here about an espresso, because then the addition of milk vary strength and flavour) such as the amount of coffee, the coarseness of the powder, the pressing of the powder, and so on. I am not a coffee lover, I am not even a coffee drinker, but I have been trained as a barista, therefore I know some stuff about coffee as well, unfortunately. So, for a coffee you put as many shots of coffee as you need it strong, but do not forget that the caffeine comes out at the end, therefore, to stop the machine before its time means that you may be cutting on caffeine. Tea is different, to make tea stronger, you leave it in infusion longer, you do not put two teabags in a cup, that is a disgrace that I have seen in Starbucks and that has no description. Anyway, we are not talking about tea bags now. The time of infusion depends on the type of tea and on your taste, but it usually ranges between 3 and 6 minutes; usually, loose leaves are more delicate. There are several infusers, but you should always remember to leave space for the leaves to expand with the water. It is time for some vital questions now:

Milk yes or no? Milk first or after?

Milk yes I would say, but it also depends on the tea. Milk goes well with most black teas, although some people prefer citrus-flavoured teas without milk. If you like lemon, apart from receiving a frowned look from me (I can eat lemons, but I don’t like lemon-flavoured things,) you may take some aspects into consideration: Black teas go well with lemon as well, so they say, but not blends such as Earl Grey and Lady Grey, which already have citric in it and you would alter the taste; never pour the tea on top of the slice of lemon, again for the same reason; never squeeze the lemon in the tea, the flavour and the essential oils should release while infusing; the slices should be thin, the cloves should stay in, and the slice should not go on the saucer, neither before nor after going into the cup.

Milk after. Tea should always be the first thing in the cup to allow you to appreciate the strength and decide on the amount of milk. The old story of milk going in first to avoid cracking the cup is not completely correct. China cups would not crack with hot tea, that would only happen to lower quality crockery in the old days, but it is unlikely now that almost all the kitchenware is microwave and dishwasher safe. Definitely never milk before with take-away tea, that is basically watery milk with a tea bag inside and the blend will not infuse correctly or at all; personal advice, especially in a take-away cup, always take the milk separately.

If you like sugar, preferably cubes to avoid the little crumbles that fall from a teaspoon. Also, leave the cube to dissolve and then stir. In any case, do not forget that sugar modifies the taste of the beverage and it is not always good for your body. As with other beverages, you may use honey to sweeten your tea, but that is an absolute no for me. Not only I hate honey, but its flavour is too strong and specific and it would adulterate the tea killing the taste completely, it is healthier than sugar, but you will end up not drinking tea that doesn’t taste like tea anymore.

How to stir?

Never circular motions. The handle of your cup should be at four, imagining the cup in front of you as a clock, the teaspoon inside should stay at six and the motion should be 6-12, 6-12, never banging the sides of the cup. When finished stirring, a gentle flick of the teaspoon on top of the cup and the spoon goes on the saucer behind (never in front) of the cup, with the handle also at four o’clock as for the cup. Do not leave the teaspoon in the cup!

How to hold the cup and sip the tea?

If standing, hold the saucer in the palm of one hand and raise the cup with the other; if sitting, the saucer stays on the table. The index finger goes in the handle and the thumb closes the grip, the middle finger goes under the handle to secure the grip, and the rest of the fingers follow the curve. Do not raise the little finger!

Now, some extra details to make you a perfect host: For a strong tea, fill 3/4 of the cup with tea to leave space for the milk and avoid spilling; for a weak tea, pour half cup to also allow space for more hot water.

That said, when at home, I drink my tea very strong, I leave the infuser in the cup until I finish the tea, and I have it in a huge Tigger mug. Rules are there to be broken, but you need to know them if you want to break them!

Tigger

If you want to know more about tea etiquette, here are some links I used to inspire this post apart from my personal knowledge: 1, 2, 3, and 4; you could also try one of the several menus offered by tea rooms and hotels; some of them are not too adulterate to please tourists and they also offer a written decalogue of what is socially acceptable. Café Royal in London, the place where Oscar Wilde loved to have his tea and to spend his evenings, also offers an afternoon tea in the room dedicated to the great writer. If you are visiting London and want to have a different experience, you could try some of the peculiar ideas offered by the city: The Afternoon Tea bus tour is a way to combine a relaxed tourist tour with a warm cup, and Time Out  also offers some unconventional menus and places that you may be interested in. Whatever your plans are, do not forget that the tea etiquette also includes a dress code that has not been treated here because it is often not required anymore due to the huge number of tourists that want to have this experience, but if you want to book an afternoon tea in a venue, you may also want to check the dress code to avoid being left outside.

Funny fact: When Queen Elizabeth visited Rome in 2000, the Italian press made a big deal about sharing a huge amount of gossip (as usual in Italy when the Windsor family is concerned,) and it was said that the monarch brought her own teapot because she would never travel without it and risk to jeopardise her tea routine. There is nonetheless no official information about that.

Now, before you enjoy your tea, don’t forget: keep being naughty, Knotty surely will!!! Cheers to Une belle infidèle!

Learn Italian vocabulary with Knotty Translations – Word #2 is Bello

Second installment of my YouTube course to learn Italian vocabulary. Have fun!

Happy International Mother Language Day

KT_BB_Quote4

“La meglio gioventù”, un’analisi della società italiana

Ho appena finito di guardare La meglio gioventù, e la prima domanda che mi viene da pormi è più che ovvia: perché ho aspettato dieci anni? Pigrizia e trascuratezza, senza dubbio, ma non solo, e d’altronde non è l’unica cosa che, per sbaglio, ho trascinato per dieci anni. Le mie opinioni si potrebbero facilmente riassumere con una frase, quella che ho scritto, non appena sono apparsi i titoli di coda, a chi questo film me l’aveva consigliato: è bellissimo, così bello e triste che fa male!

Per tanto tempo, ho pensato di voler sempre leggere qualcosa prima di vedere un film, il libro da cui era tratto se era il caso, o almeno le informazioni sulla trama. È da un po’ che non seguo questo principio, e che mi sto tuffando nei film e nei telefilm con il bagaglio di conoscenze che già avevo. È un modo per apprezzare di più ciò che vedo, e di avere curiosità più che alte speranze. Questo film è il caso più lampante. Per ben dieci anni l’ho sentito nominare, ma non ho mai cercato nulla.

Non sapevo cosa aspettarmi, e non avevo idea di cosa parlasse il film. L’unica cosa che mi ha guidato, e anche bloccato per tanto tempo, è stato il titolo, chiaramente triste secondo me, idea totalmente confermata al sentire chi mi aveva detto il contrario. Mi sono immediatamente ritrovata immersa in un compendio di storia italiana dagli anni ’60 ai giorni nostri. Al 2003, in realtà, ma io mi vedo ancora là, forse perché quell’anno fu per me ciò che il 1966 fu per Matteo e Nicola.

Ciò che si presenta inizialmente come un’analisi psicologica di alcuni personaggi, si rivela ben presto un ritratto frenetico di una società spaccata, sofferente, giovane ma con il peso troppo opprimente di una storia troppo lunga e troppo tragica. Le parole del professore sono la rappresentazione fedele del mondo universitario italiano, ma anche del resto delle istituzioni della nazione, dalla politica alle forze dell’ordine, dal mondo del lavoro al sistema sanitario.

Professore: Lei promette bene, le dicevo, e probabilmente sbaglio, comunque voglio darle un consiglio, lei ha una qualche ambizione?

Nicola: Ma… Non…

Professore: E allora vada via… Se ne vada dall’Italia. Lasci l’Italia finché è in tempo. Cosa vuol fare, il chirurgo?

Nicola: Non lo so, non… non ho ancora deciso…

Professore: Qualsiasi cosa decida, vada a studiare a Londra, a Parigi, vada in America, se ha le possibilità, ma lasci questo Paese. L’Italia è un Paese da distruggere: un posto bello e inutile, destinato a morire.

Nicola: Cioè, secondo lei tra un poco ci sarà un’apocalisse?

Professore: E magari ci fosse, almeno saremmo tutti costretti a ricostruire… Invece qui rimane tutto immobile, uguale, in mano ai dinosauri. Dia retta, vada via…

Nicola: E lei, allora, professore, perché rimane?

Professore: Come perché?! Mio caro, io sono uno dei dinosauri da distruggere.

Non credo sia un caso che la suddivisione della famiglia Carati sembri rappresentare l’intera società italiana: la figlia maggiore, Giovanna, magistrato, simbolo del sistema giudiziario; Nicola, il ribelle e sovversivo che, dopo aver viaggiato per l’Europa, torna ai suoi studi di medicina, e rappresenta il sistema sanitario; Matteo, il bello e l’intellettuale che, schiacciato dall’impossibilità di esprimere se stesso appieno, si rifugia in tutto ciò che non lo rappresenta, il servizio militare e l’azione, e rappresenta le forze dell’ordine, o del disordine, come forse saggiamente le chiama lo stesso Nicola; Francesca, la più piccola, che troviamo sempre a casa, è, non a caso, la moglie dell’economista Carlo, e insieme rappresentano, manco a dirlo, l’istituzione della famiglia e la base dell’economia italiana. Giorgia, infine, filo conduttore di tutta la storia, e causa apparente di tutto ciò che accade nel film, non è altro che il simbolo del popolo italiano, debole, maltrattata, vittima di istituzioni obsolete che non sanno aiutarla e la affossano sempre di più. Considero questo film un’analisi estremamente lucida della società e della psicologia italiana, ma vedo qualcosa che mi sembra un errore banale probabilmente voluto e spinto dalla fiducia e dall’orgoglio patrio, ma che gli anni hanno dimostrato essere semplicemente una visione poco lungimirante: Carlo e Francesca, simbolo secondo me della famiglia e dell’economia italiane, sono ricchi e, durante tutto il film, gli unici veramente felici e appagati.

Sono troppo giovane per ricordare quasi tutti i fatti descritti in quest’opera, e avevo appena 10 anni all’epoca dell’attentato a Giovanni Falcone, ma lo ricordo con estrema chiarezza. I vari membri della famiglia sono toccati in modo più o meno diretto dai fatti di cronaca che avvengono durante gli anni, vicende che, infatti, colpiscono l’intera società italiana. Ogni volta che qualcosa del genere succede, l’intera popolazione si stringe e si unisce nella condanna e nella sofferenza: Nicola ritrova Matteo e i propri amici a Firenze quando tutti si mobilitano per riparare ai danni causati dalla piena dell’Arno; tutti sono riuniti a Roma per Natale quando le BR decidono di eliminare Carlo e Giulia viene invece arrestata; Nicola incontra Giovanna a Palermo quando la mafia uccide Falcone.

Le vecchie generazioni sembrano ormai troppo stanche per continuare a combattere, e hanno solo le energie per raccogliere i cocci delle battaglie passate. Le nuove generazioni, invece, sembrano avere la forza per ottenere ciò che non hanno potuto avere i loro genitori: Sara è l’artista che Giulia non è riuscita a essere, e riesce a perdonare la propria madre per l’abbandono, quasi a rappresentare un’Italia che fa pace con in proprio passato di sangue; Andrea, invece, riesce a completare il viaggio che Nicola non aveva portato a termine e Matteo neppure aveva iniziato.

È una visione positiva, una speranza di un futuro migliore che ha imparato dagli errori del passato, un paese lacerato che, non sarebbe la prima volta, rinasce dalle proprie ceneri, che si ricostruisce dopo l’apocalisse che, si spera, ha spazzato via i dinosauri. D’altronde, è lo stesso Nicola a presentarci questa visione di incrollabile fede nella bellezza della vita:

Giovanna: Senti, ma lo sai che conservo ancora una cartolina che mi hai spedito da Capo Nord, nel ’66, in norvegese? Credo avesse una scritta. E sotto la traduzione diceva: “Tutto quello che esiste è bello!!!”, con tre punti esclamativi… ma tu ci credi ancora?

Nicola: Ai punti esclamativi no, non ci credo più.

La Grande Bellezza

Ho trascorso tutte le estati della mia vita a fare propositi per settembre, ora non più. Adesso trascorro l’estate a ricordare i propositi che facevo e che sono svaniti, un po’ per pigrizia, un po’ per dimenticanza. Che cosa avete contro la nostalgia, eh? È l’unico svago che ci resta per chi è diffidente verso il futuro. L’UNICO. Senza pioggia, agosto sta finendo, settembre non comincia e io sono così ordinario. Ma non c’è da preoccuparsi, va bene. Va bene così. (Romano, La Grande Bellezza)

Mi ritrovo qua a presentarvi un post che sembra inserito nel mio blog tanto per scrivere qualcosa ogni tanto, ma ho sentito il bisogno di includerlo per due motivi: prima di tutto, per me questo film è stato parte di uno speciale momento di interculturalità, bilinguismo e superamento di differenze; ma non è solo quello, voglio anche dare spazio a questo messaggio, e non posso riuscirci via Facebook, limitato a chi fa parte dei miei amici, né via Twitter, che ci imprigiona in un numero ridotto di caratteri.

Tengo tantissimo alla libertà di poter esprimere il proprio parere se questo non offende gli altri. Ma, allo stesso tempo, è importante per me poter dire la mia se ne sento veramente il bisogno. Ora, dopo giorni dalla premiazione degli Oscar, continuo a leggere commenti, spesso vuoti, su La Grande Bellezza, e sono qua a dire la mia.

Ho adorato questo film, e da lì parte la mia analisi. Posso dire, con orgoglio, di aver visto questo film per scelta, perché veramente incuriosita, e di essermi addirittura impuntata per vederlo hic et nunc, spaventata dal rischio di trascinare all’infinito il progetto. Non l’ho visto perché forzata da una programmazione spavalda che, dedicata quasi interamente a programmi vergognosi, vuole vantarsi di un livello di qualità che il cinema italiano a volte raggiunge nonostante il pubblico. Prima di vederlo e, quindi, prima del premio, l’unica persona che conosco che avesse commentato il film era stata una cara amica italiana qua a Londra, Veronica. Mi sono fidata del suo parere su Facebook non solo perché lei adori il cinema e ne stia facendo il proprio futuro, ma anche perché la considero una persona intelligente, con una grande cultura artistica, una personalità fantastica, un’integrità ammirevole e un carattere che è impossibile non amare.

Nonostante non sia per nulla un’ammiratrice del cinema italiano recente, che per me significa probabilmente degli ultimi vent’anni, mi sono avvicinata a questo film con la mente aperta e libera da preconcetti, grazie anche alla garanzia della coppia Sorrentino-Servillo che mi ha regalato momenti di riflessione e puro divertimento con Il Divo. Non sapevo cosa aspettarmi, e non ho neppure letto la trama, e mi sono ritrovata immersa in un vortice di incomprensibile fascino. Il film è incredibilmente decadente, ma in un modo così raffinato e seducente che mi ha stregato. Fin dal principio, non ho potuto fare a meno di pensare che, finalmente, qualcuno avesse saputo ricreare La Dolce Vita a colori e limando l’oppressiva tristezza di fondo che quel capolavoro lascia per giorni nell’animo di chi lo guarda.

Jep Gambardella non è altro che William Forrester vivendo all’altro estemo dell’estraniamento. Tutto sembra esagerato, spinto, surreale, ma lo spettatore con un minimo di conoscenza dell’ambiente sa che non è affatto così, che il film è dolorosamente realista. Coloro che considero due tra le persone più importanti della mia vita sono scrittori, e il loro esempio ha portato anche me a scrivere a tempo perso, sia su questo blog che, in privato, racconti più o meno brevi. Da loro ho imparato che la scrittura è un’arma a doppio taglio, che da forza e coraggio perché permette di esprimere ciò che, parlando direttamente per se stessi, non si sarebbe capaci di portar fuori. Purtroppo, però, porta via anche linfa vitale, perché parte dell’essere dello scrittore viene relegato per sempre in qualcosa di estraneo, un’emorragia che priva il corpo di parte del fluido vitale, un horrocrux che imprigiona parte dell’anima dello scrittore in un oggetto esterno. Non è sempre facile accettare questo compromesso con la propria creazione: a volte, si sente il bisogno di lasciar uscire questo sangue che scorre con troppo impeto nelle nostre vene, e la pagina bianca diventa la nostra sanguisuga, che ci libera da ciò che non possiamo più tenere dentro e restituisce equilibrio al nostro corpo; altre volte, non possiamo lasciar andare ciò che ci opprime, come il fumo troppo saporito che non vogliamo rilasciare e tratteniamo per un secondo di troppo prima di espirarlo.

Capisco il rifiuto di chi non ha accettato o apprezzato questo film, per me è la versione riuscita di Magic Mike, che invece mi ha lasciato con lo stesso disgusto che mi è sembrato di aver sentito nei commenti che ho letto su La Grande Bellezza. Non sono riuscita a guardare per intero il film di Soderbergh, imprigionata in un disgusto e un fastidio legati alla mia situazione personale del momento e a un volontario ostacolo linguistico. La decadenza e l’autodistruzione che mi hanno bloccato all’inizio di quel film sono le stesse che mi hanno fatto desiderare di finire l’opera di Sorrentino, e che mi hanno permesso di apprezzarla e godermela.

Con gioia ho ritrovato cose del passato al guardare La Grande Bellezza. La musica è meravigliosa, e mi sono vista ballare le canzoni della mia adolescenza quasi senza esserne cosciente, con grande divertimento di chi stava guardando il film con me. Sono stata piacevolmente sorpresa nel vedere attori che per me sono sempre stati simbolo di un cinema facile che, invece di qualità, regala al pubblico film di serie B; artisti che, troppo attempati per continuare con le parti ridicole che li hanno portati alla fama, cercano di creare opere d’autore troppo tardi per essere presi sul serio. In particolare Verdone che, per me, non faceva qualcosa degno di nota dai tempi di Compagni di scuola e Perdiamoci di vista.

Si è parlato tanto dell’oscar mancato di Di Caprio, ma non si è detto che The Wolf of Wall Street è lo stesso film, girato con un filtro diverso nell’obiettivo della telecamera. La decadenza triste e pietosa che accompagna La Grande Bellezza diventa irriverente e urlata nel film di Scorsese ma, in fondo, sono la stessa storia. Voglio citare un post sul meglio del 2013, non perché valga davvero la pena in generale, ma perché mi permette di completare ciò che voglio esprimere:

2. The Wolf of Wall Street and La Grande Bellezza

Both of these movies are very long, and you know what? They’re still not as fucking long as a season of anything, including, I don’t know, Scrubs. Scorsese’s film is a classic American film about a huckster who gets very rich, and then, in a horrifying and tragic turn of events, becomes only well-to-do. La Grande Bellezza is a classic Italian film about an artist who is prevented from writing his second novel by a sinister conspiracy of women, champagne, really good meals, and wildly glamorous parties. (The soundtrack is also one of the best things about 2013.) Sexy, sad, and full of adrenaline, these films were both better than anything on television.

This is the next big thing, which (thanks in part to these two triumphs) is already here: the pleasure principle. All the taboo-breaking that seemed like it should have happened ten years ago, is going to happen over the next few years, in a glittering explosion of hedonism. Neither of these films have unhappy endings. Being wry is as serious as they feel compelled to be. It’s the IDGAF attitude implicit in This Is The EndNow You See Me, and Spring Breakers, without any of the unnecessary dumbing-down. Obviously, this trend is not exactly where my head’s at — cf. my epigraphs — but you don’t need a weatherman to know which way the wind blows. And it’s kind of overdue.

Also, NB: Italy apparently has exactly one male actor. I’m not saying he’s not good. He’s fantastic. It’s just surprising, is all.

L’unica cosa che mi resta da aggiungere, e in risposta a questa citazione, è che non abbiamo solo un attore in Italia, così come non avevamo solo un doppiatore, nonostante scherziamo costantemente su questo fatto. Ciò che succede è che, per fortuna, gli Stati Uniti ricevono le rare perle prodotte da un’industria cinematografica in rovina che vive ancora vantandosi di glorie vecchie di troppi decenni e non fa altro che sfornare prodotti scadenti in quantità sconvolgenti. Grazie Sorrentino per ricordarci, ogni tanto, che Fellini, De Sica padre, Antonioni, Comencini e altri grandi non hanno chiuso una pagina, ma creato esempi che il cinema italiano non ha dimenticato completamente.

International Mother Language Day 2014

Languages are the most powerful instruments of preserving and developing our tangible and intangible heritage. All moves to promote the dissemination of mother tongues will serve not only to encourage linguistic diversity and multilingual education but also to develop fuller awareness of linguistic and cultural traditions throughout the world and to inspire solidarity based on understanding, tolerance and dialogue. (UN website)

This day, and this post, could be called “the right thing at the wrong moment”. I have always understood the expression “lost in translation”, and it is not by chance that one is also one of my favourite movies. Despite that, I have never felt I could make mine that expression. On the contrary, now I feel totally plunged into it. It doesn’t depend on where you are and what language is spoken in that place, it is a feeling, an internal struggle that makes you feel out of place anywhere you are.

Italian is my mother tongue (I agree on the fact that this is a better name than “mother language”, but that this name is more comprehensible due to the Romance versions, and it was a good choice for the day), and also Sardinian could be considered that. Nonetheless, I feel Spanish as something mine, part of myself, something that I would like to call my mother tongue as well. All this has never been a problem for me, I have never felt belonging less to my original culture because of that.

Now, however, not only I don’t feel at home anywhere, but I don’t even feel I have a mother tongue anymore. I was used to be able to say everything in Italian, and then to have some preferences in other languages. Now, I don’t have that feeling anymore. I can’t express my feeling in Italian, but I have no good results when I do it in English. It is frustrating, it feels like a prison, and who visits is only capable to say “With all the languages you speak, you should be doing something else, you can use them for work!” Thank you, next time you want to do empty conversation, please talk about the weather like everyone else, and stay out from what you don’t know anything about!

I feel like a person who can travel the world and go everywhere but to one place: I just want to go there. I can speak several languages, but I cannot communicate anymore. I want my mother tongue back, I want to feel I belong to somewhere!

Paschixedha – Natale in Sardegna

cassette-tape

 

Fate click sulla cassetta per sentire la registrazione

 

download

Trascrizione di  Natale in Sardegna. Cliccate sul link per leggerla in italiano

 

 

 

 

Cari lettori e followers, ecco, come promesso, il post natalizio creato con l’aiuto del mio adorabile papà, zio Gino. In una dolce chiacchierata attorno al fuoco, ci racconta come si trascorreva il Natale in Sardegna negli anni della guerra, a cavallo tra gli anni ’30 e ’40. Nessuno di noi si è minimamente curato del Kindle che registrava e, in tutta spontaneità, parliamo come sempre facciamo tra di noi, naturalmente, mischiando il sardo e l’italiano, e anche parlando un italiano con tantissime interferenze, come potete sentire nel mio caso, visto che spesso uso espressioni tipiche sarde nonostante stia parlando in italiano. Esempi palesi sono “togo” o “la gente” usato come lo uso io, senza una specificazione che lo accompagni, ma anche il “la” usato nel senso di “vedi” o “per esempio”.

Tre sono, senza dubbio, le caratteristiche del sardo che ritroviamo in questa chiacchierata: la prima è la presenza della parola tesinanta, che letteralmente significa “come si chiama”, e che viene usato tantissimo, anche per formare verbi, e non è raro il caso di frasi interamente formate con le declinazioni di questa parola: porta su tesinanta chi esti in cussu tesinanta, du deppu tesinantai. Letteralmente, significa “portami il come si chiama dal come si chiama perché devo come si chiamarlo”, una frase senza alcun senso, ma che può voler dire “portami le forbici da quel cassetto perché devo affilarle”, o “portami il libro dalla librería perché devo foderarlo”, o avere migliaia di altri significati. Il vero messaggio si può capire solo dal contesto.

Secondo punto distintivo è quello di ripetere at nâu (ha detto, N.d.T.) nelle frasi in cui si racconta qualcosa. È un intercalare che poco ha a che fare con l’utilità o la comunicazione. Mio padre lo usa spesso quando parla del Natale trascorso a casa di suo zio, ma non l’ho trascritto ogni volta; in alcuni passi, è presente anche nella trascrizione, così da facilitare il riconoscimento.

Un’altra caratteristica del sardo è il passato remoto formato con l’ausiliare + stau, una forma non più tanto usata. Per esempio, parlando della messa dell’aurora, mio padre dice dhòi seu stau andau (letteralmente, “ci sono stato andato”, N.d.T.), mentre ora diremmo: dhòi seu andau (ci sono andato, N.d.T.).

Grazie a tutti per l’affetto e perché continuate a seguirmi. Il post è un misto di italiano e sardo, ma la trascrizione è completamente in italiano, con le parti in corsivo ad indicare quando, in realtà, stavamo parlando in sardo. Spero di poter preparare una versione in inglese del tutto, così che anche chi non parla l’italiano possa leggere questo post. Godetevi il mio regalo di Natale!

Inserisco qua alcune foto perché si possano vedere i cibi e i giochi di cui si parla nell’intervista:

Badharincus Badharincus

Pai ‘e saba Pai 'e saba

Pistocchedhus de Serrenti Pistocchedhus de Serrenti

Cotechino Cotechino

Halloween and much more.

2013-10-31 21.15.31

Oh dear! Oh dear! I shall be too late!

I know, I should have written this post yesterday, but carving my Tigger O‘Lantern took me some time, and here I am now, already in November and still talking about Halloween, but I can’t avoid it. I get pretty annoyed every time I hear things like “I don’t want to celebrate Halloween, it is another way for the Americans to try and invade us and to dominate the rest of the cultures; we also have our own traditions!” I promise that I hear this every single year, and I wouldn’t be surprised to see the same people clutching a bottle of Coke while they defend their solid principles. The only positive thing in this way of thinking is that, thanks to this frame of mind, some Sardinian ancestral traditions have been reestablished. The problem is that we should value our culture for what it is, not just because we think we are better than the rest of the world, therefore we bring back old festivities to demonstrate that we also have a culture. Where was all that respect for our history when other people’s festivities were less known?

All that said and done, let’s talk about the different ways of celebrating All Saints’ Eve. I want to start saying that I am no expert, I know very little about, but I have always been fascinated by it, and I researched a little the subject. Nonetheless, I would be glad if anyone with more knowledge wanted to add anything to this post. First of all, Halloween is not American, it has been imported in the States by the European immigrants, as plenty of traditions, and there it found its own expression.

Halloween comes from a mix of Celtic pagan and Christian celebrations, and its name is possibly a modification of the original All Hallows’ Eve, the night before All Saints. The longer winter nights were believed to be an easier access to our world for fairies and spirits, and the pagan rites included lighting up candles for the souls and bonfires to keep away the evil spirits, and divination using apples and nuts. The well known “trick or treating” seems to have its origin in the Christian souling, when kids, with their faces painted in black with the coal from the bonfire, used to go door-to-door asking for a piece of souls cake in exchange for the promise of praying for the departed souls close to the contributor.

The tradition of carving pumpkins, as well, comes from the UK and Ireland, where turnips were carved to carry a lantern to scare away the spirits. When this custom arrived to the States, the Americans started using pumpkins instead of turnips because they were the local product, and they were also easier to carve. On Wikipedia I also found the legend of Jack O’Lantern, and I want to share it with you:

On route home after a night’s drinking, Jack encounters the Devil who tricks him into climbing a tree. A quick-thinking Jack etches the sign of the cross into the bark, thus trapping the Devil. Jack strikes a bargain that Satan can never claim his soul. After a life of sin, drink, and mendacity, Jack is refused entry to heaven when he dies. Keeping his promise, the Devil refuses to let Jack into hell and throws a live coal straight from the fires of hell at him. It was a cold night, so Jack places the coal in a hollowed out turnip to stop it from going out, since which time Jack and his lantern have been roaming looking for a place to rest.

(Encyclopedia of Death and Dying (Glennys Howarth, Oliver Leaman), Taylor & Francis, page 320)

All the claims about our traditions being also about the souls, and therefore the fact that we don’t need to adopt other countries festivities don’t take into account, for ignorance or excess of parochialism, or both, the fact that several experts affirm that Sardinian people come from the Celts as well, and that is why we have similar music and dances, sacred places and, of course, festivities. In the centre of the Island, on All Saints’ Even, is celebrated something similar to Halloween, and the name changes according to the town. The two I heard of are Is Animeddas and Su Prugadòriu (literally, “The Little Souls” and “The Purgatory”), and they also are dedicated to the souls. The kids go door-to-door and ask for a donation using our version of the “trick or treat”: some examples are Seus benius po is animeddas” or “Mi das fait po praxeri is animeddas” (“We are here for the little souls” or “Would you please give me the Little Souls?”) It is common in our language to call the actual donation with the same name of the festivity, so the treat become “the little souls” in November,Sa Zipuledha(“the little doughnut”) for Carnival, and Su Candeberi (“the candle holder”) on New Year’s Eve in Gonnosfanadiga. Apparently, on All Saints’ Eve, Sardinian kids also wear disguises, play tricks and receive sweets; in the past the treats were nuts and chestnuts, winter cakes likesu pani ‘e saba, and fruits.

If you are wondering how I celebrated Halloween here in London, I can tell you that. I carved my Tigger O’Lantern, prepared tiramisù and watched Dark Angel and Midsomer Murder, is that scary enough? I also have some Cadbury Scream Eggs, but I will keep them for now, I still have a lot of fudge to eat!

Giornata Europea delle Lingue: “Uniti nella diversità”.

EU_lingue

Per un po’ di tempo, mi sono interrogata sull’utilità di questo blog, che sembra ormai un relitto di un passato vicino e incredibilmente lontano allo stesso tempo. L’idea di cancellarlo mi ha sfiorato, e abbandonato in una frazione di secondo. L’opzione di abbandonarlo, invece, è stata coccolata più a lungo, ed si è riproposta anche ieri. Non sarebbe il primo esempio di un progetto che, nato con tutta l’euforia del principio, muore naturalmente, divorato dal tempo, la frenesia e i cambi inevitabili. Ma, direbbe Rossella O’Hara: “Dopotutto, domani è un altro giorno”, ed eccomi qua, all’indomani, proprio di ritorno, nuovamente alla tastiera (capricciosa, devo ammetterlo) del mio nuovo portatile, a cominciare, spero, una nuova stagione di articoli che vogliono apportare qualcosa al mondo delle lingue.

Perché oggi? Potrei rispondere in tanti modi: perché è un giorno libero in cui, alle quattro del pomeriggio, sono ancora a letto e in pigiama, o perché ho trovato un articolo interessante di cui devo parlare immediatamente, ma la verità è un’altra. Oggi è la Giornata Europea delle Lingue, e questo è il mio umile modo di celebrare ciò che considero una delle ricchezze maggiori del mio bellissimo continente, ma anche ciò che ha dato un senso alla mia vita in tutti i suoi aspetti: la diversità linguistica.

1277228_408682935899174_271998520_o

Poco tempo fa, ho letto un articolo che si occupava di questo argomento, e si interrogava sulla necessità o meno di continuare a difendere il multilinguismo in seno all’Unione Europea. Ovviamente, il dibattito nasce dall’idea, non nuova ma periodicamente riproposta, di abdicare alla nostra ricchezza in favore di un’egemonia dell’inglese. Inutile dire verso che opzione pende l’ago della mia bilancia, per motivi di cuore, tradizione e professione: il multilinguismo europeo non si tocca!

Queste non sono le Nazioni Unite, create da un paese centralista ed egocentrico come neppure l’Impero Romano dei tempi d’oro riuscì a essere. Questa non è l’ONU, fondata dai vincitori di un’ennesima guerra. Questa non è un’organizzazione internazionale che rispetta le differenze linguistiche fin quando sono quelle dei grandi numeri e della maggioranza.

Questa è l’Europa, un insieme di paesi con millenni di storia (cruda, violenta, molto spesso vergognosa, non sto giudicando quello) nata dal contatto tra civiltà, dal mutuo arricchirsi delle culture, dallo scambio, sempre prolifico, di conoscenze e saperi. Questo è il continente che ha scelto di basare la propria politica linguistica sul concetto dell’essere “uniti nella diversità”. Questa è l’organizzazione internazionale che ha deciso di comunicare coi propri cittadini, facendo arrivare loro le decisioni nelle loro lingue.

Varie sono le domande, legittime, che l’articolo dell’Economist ci propone. Prima fra tutte, perché dovremmo rinunciare al plurilinguismo? Non per un motivo culturale, le nostre tradizioni sono infatti difese dall’attuale organizzazione europea. Non di certo per un motivo economico; non solo la DGT (Direzione Generale per la Traduzione) e lo SCIC (ora DG Interpretazione) danno lavoro a un numero enorme di traduttori e interpreti e aiutano a proteggere delle professioni troppo spesso svilite, ma i loro servizi hanno anche un prezzo irrisorio per le tasche dei contribuenti: i servizi di interpretazione hanno un “costo complessivo inferiore a 50 centesimi all’anno per cittadino europeo. La DG Interpretazione da sola costa ai contribuenti 21 centesimi per cittadino/anno”, secondo quanto ci dice lo stesso SCIC (mi costa non chiamarlo più così).

Ma ci si chiede anche perché, dovendo propendere per un’egemonia linguistica, dovremmo inclinarci per l’inglese, una lingua che, non solo è minoritaria nel nostro territorio, ma è anche vista da tanti come simbolo di ciò che l’Europa non vuole? A dire il vero, la risposta sembrerebbe “Perché sì” o, per meglio dire, non c’è un vero motivo, si dovrebbe fare perché tutti lo fanno, importante criterio che non ha mai portato nessuno a fare delle scelte sbagliate!

Vi voglio lasciare con questi spunti di riflessione, e citando il sito del nostro Dipartimento Politiche Europee:

“Il multilinguismo è uno dei principi fondamentali dell’Unione Europea sin dall’inizio del processo di integrazione. La coesistenza armoniosa di molte lingue in Europa è un simbolo forte dell’aspirazione dell’Unione Europea a essere unita nella diversità, uno dei fondamenti del progetto europeo. Le lingue definiscono le identità personali, ma fanno anche parte di un patrimonio comune. Possono servire da ponte verso altre persone e dare accesso ad altri paesi e culture promuovendo la comprensione reciproca. Una politica di multilinguismo positiva può migliorare le opportunità nella vita dei cittadini: può aumentarne l’occupabilità, facilitare l’accesso a servizi e diritti e accrescere la solidarietà, grazie a un maggior dialogo interculturale e una migliore coesione sociale. Vista con questo spirito, la diversità linguistica può diventare una risorsa preziosa, soprattutto nel mondo globalizzato di oggi.”

Spero che questo sia solo un arrivederci a presto. D’altronde, fra pochi giorni è San Girolamo, che traduttrice sarei se non ne tenessi conto!

Proverbi.

Dopo molto tempo, eccomi di nuovo qua. Da tanto volevo pubblicare questo post, e da un po’ ci sto lavorando, cercando di includere il maggior numero possibile di proverbi e di trovare le versioni più adatte nelle varie lingue. Questa selezione non si presenta come completa, tutt’altro, e non vuole essere un elenco sistematico. Per ora, semplicemente, è una lista dei detti più comuni per me, quelli che ho sentito da sempre, in una lingua o in un’altra, e quelli che uso più spesso. In alcuni casi, non sono sicura delle versioni che ho trovato; vi sarei quindi grata se voleste correggere eventuali errori, suggerire altre opzioni e, come no, aggiungere altri casi su cui potrei lavorare.

Ovviamente, non voglio solo incollare la lista che ho preparato, per quello ci sono già tanti blog e siti più o meno utili. Il mio intento è quello di partire da questi proverbi per analizzare fattori culturali e linguistici, perché cosa più della saggezza popolare può essere specchio della società? Qualcuno potrebbe dire che della società di un tempo ormai lontano, ma io non sono d’accordo, per due motivi: prima di tutto, perché vedo nel mio piccolo che la mentalità è cambiata ben poco durante i secoli; e poi, perché “l’uomo è un animale abitudinario”, tanto per citare un detto che, probabilmente, verrà incluso nel post gemello di questo e dedicato però, appunto, ai modi di dire e alle frasi fatte. Includo qui la tabella, ma non sono soddisfatta dell’impaginazione, quindi allego anche una versione in PDF per maggiore facilità: Proverbi 1.

Italiano Español English
Meglio un uovo oggi che una gallina domani

Non lasciare a domani quello che puoi fare oggi Chi ha tempo non aspetti tempo

Más vale pájaro en mano que ciento volando

No dejes para mañana lo que puedes hacer hoy

A bird in the hand is worth two in the bush

Don’t put off until tomorrow what you can do today

A buon intenditore, poche parole Al buen entendedor, pocas palabras bastan A word is enough to the wise
Chi troppo vuole, nulla stringe Quien mucho abarca, poco aprieta Jack of all trades, master of none
Il mattino ha l’oro in bocca A quien madruga, Dios le ayuda Early to bed, early to rise, makes a man healthy, wealthy and wise

The early bird gets the worm

La pazienza è la virtù dei forti La paciencia es la mayor de las virtudes Patience is a virtue
Del senno di poi son piene le fosse Es fácil mostrar sabiduría cuando ya no hay remedio It’s easy to be wise after the event
Il lupo perde il pelo ma non il vizio Aunque la mona se vista de seda, mona se queda A leopard can’t change its spots

You can’t teach and old dog new tricks

Gallina vecchia fa buon brodo

La sapienza è figlia dell’esperienza

Más sabe el Diablo por viejo que por Diablo Old bull knows best
Non dire gatto se non l’hai nel sacco

Fare i conti senza l’oste

No conviene vender la piel del lobo antes de haberlo cazado

No conviene vender la piel del oso antes de haberlo cazado

To count one’s chickens before they’re hatched

To reckon without one’s host

Si parla del diavolo e spuntano le corna Hablando del rey de Roma, por la puerta asoma Speak of the devil and he doth/shall appear
Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi El diablo hace la olla, pero la tapa The devil teaches us his tricks but not how to hide them
La fretta è cattiva consigliera

La gatta frettolosa fece i gattini ciechi

Chi va piano, va sano e va lontano

No por mucho madrugar, amanece más temprano

Vísteme despacio que tengo prisa

Las prisas no son buenas consejeras

Haste make waste

More haste, less speed

La notte porta consiglio Antes de hacer nada, consúltalo con la almohada Night is the mother of counsel
Nella botte piccola c’è il vino buono Los buenos perfumes se conservan en frascos pequeños Good things come in small packages
Volere la botte piena e la moglie ubriaca No se puede estar en misa y repicando

No se puede hacer tortilla sin cascar los huevos

To want to have one’s cake and eat it too
Tanto va la gatta al lardo, che ci lascia lo zampino La curiosidad mató al gato Curiosity killed the cat
Can che abbaia non morde Perro ladrador, poco mordedor Barking dog never bites
Dio li fa, poi li accoppia Dios los cría y ellos se juntan Birds of a feather flock together

God hatches them and God matches them

A caval donato non si guarda in bocca A caballo regalado no le mires el dentado Do not look a gift horse in the mouth
Tutte le strade portano a Roma Todos los caminos llevan a Roma All roads lead to Rome
Chi è causa del suo mal pianga se stesso Quien mala cama hace en ella yace

Según come el mulo, así caga el culo

As you make your bed, so you must lie on it
Chi la fa l’aspetti Lo que se siembra, se cosecha If you do the crime, you have to do the time

What goes around comes around

Il riso abbonda sulla bocca degli stolti La risa abunda en la boca de los tontos Abundant laughs in the mouth of the foolish
Non si può fare di tutta l’erba un fascio No se puede poner en el mismo saco manzanas y naranjas To tar someone with the same brush
L’erba del vicino è sempre più verde En tu casa no tienes sardinas y en la ajena pides gallina The grass is always greener on the other side of the fence
Paese che vai, usanze che trovi Allá donde fueras, haz lo que vieras When in Rome, do as the Romans do

Different folks, different strokes

Tale padre, tale figlio De tal palo, tal astilla Like father, like son
Non si finisce mai di imparare Nunca te acostarás sin saber una cosa más You live and learn
Occhio per occhio, dente per dente Ojo por ojo y diente por diente An eye for an eye and a tooth for a tooth
Non tutte le ciambelle escono col buco Al mejor cazador se la va la liebre You can’t win them all

Win some, lose some

Non c’è rosa senza spine Todas las medallas tienen su reverso Every rose has its thorn
Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quello che lascia ma non sa quello che trova Es mejor lo malo conocido que lo bueno por conocer Better the devil you know than the devil you don’t know
Le bugie hanno le gambe corte No hay mentira que no salga

Primero cae un mentiroso que un cojo

Truth will out
La ruota gira per tutti A cada puerco le llega su San Martín Every dog has his day
Chi dorme non piglia pesci Camarón que se duerme, se lo lleva la corriente The early bird catches the worm
L’occasione fa l’uomo ladro La ocasión hace al ladrón Opportunity makes a thief
Non tutti i mali vengono per nuocere No hay mal que por bien no venga Every cloud has a silver lining
Una mela al giorno toglie il medico di torno Por día una manzana es cosa sana

Una manzana al día, del médico te libraría

An apple a day keeps the doctor away
Ciò che giova a uno nuoce a un altro Nunca llueve a gusto de todos One man’s meat is another man’s poison
Essere come il cane dell’ortolano, che non mangia e non lascia mangiare Ser como el perro del hortelano, que ni come ni deja comer Like the dog in the manger/gardener’s dog that neither eats cabbage himself nor lets anybody else (Dog in the manger)
Le disgrazie non vengono mai sole A perro flaco, todo son pulgas It never rains but it pours
Chi ben comincia è a metà dell’opera Obra empezada medio acabada A good start is half the battle
In casa di calzolaio non si hanno scarpe En casa del herrero, cuchillo de palo The shoemaker’s son always goes barefoot
Chi la dura la vince El que sigue la consigue Practice makes perfect
L’abito non fa il monaco El hábito no hace al monje Clothes don’t make the man
Non è tutto oro quello che luccica No es oro todo lo que brilla All that glisters is not gold
Acqua passata non macina più Agua pasada no mueve molino  That’s water under the bridge
Occhio non vede, cuore non duole Ojos que no ven, corazón que no siente What you can’t see can’t hurt you
Ride bene chi ride ultimo El que ríe el último ríe mejor He who laughs last laughs longest (British)

He who laughs last laughs best (American)

Mogli e buoi dei paesi tuoi Cada oveja con su pareja Better we over the mixen than over the moor
Una rondine non fa primavera Una golondrina no hace verano One swallow doesn’t make a summer
Chi si loda si imbroda A quien de ajeno se viste bien pronto lo desvisten Self-praise is no recommendation
A mali estremi, estremi rimedi A grandes males, grandes remedios Desperate times call for desperate measures
Aiutati che il ciel t’aiuta A Dios rogando y con el mazo dando Do your best, God will do the rest

Heaven helps those who help themselves

Morto un papa, se ne fa un altro A rey muerto, rey puesto The king is dead, long live the king

There are plenty more fish in the sea

Mai dire mai Nunca digas “de esta agua no beberé” Never say never

Iniziamo dal primo, che vuole contrastare l’indomita pigrizia umana, così come il numero 4. Nel primo caso, abbiamo diverse versioni con lo stesso significato, e le traduzioni sono abbastanza simili. L’unico motivo per cui ho raggruppato questi in un’unica fila, mentre l’altro è separato, è perché credo che, nonostante il senso ultimo sia lo stesso, il secondo esempio sia più precisamente ristretto alle ore della giornata, mentre gli altri vogliono presentare una verità generale, applicabile alle decisioni della vita. Il numero 4, inoltre, è una traduzione letterale del proverbio latino Aurora aurum in ore habet, mentre lo spagnolo ci presenta Dio come protettore di chi si alza presto. L’inglese, come sempre, è più poetico, e punta sulle assonanze consonanze per esprimere lo stesso concetto in modo più secolare.

Il numero 3 è un esempio di come, a volte, sia impossibile indovinare certi proverbi in altre lingue, perché quello inglese è completamente diverso dalle versioni italiana e spagnola. L’idea che esprime è quella del non esagerare con le pretese, ripetuta anche nel numero 15.

Il numero 7 è abbastanza interessante, perché ci presenta, in versioni molto diverse, la stessa verità, e lo fa con uno stile molto simile. Come spesso accade, i vizi e le virtù umane vengono trasferiti sugli animali, quasi a voler credere che non abbiano nulla a che fare con noi. Questo tipo di personificazione è molto comune, la troviamo nella Bibbia, in Dante e nei maggiori poeti da sempre. In ogni caso, gli animali sono spesso presenti nei proverbi, per il semplice fatto di essere da sempre parte della vita degli uomini, come cibo, come strumenti da lavoro o come prede di caccia. Lo vediamo negli esempi 1, 4, 8, 9, 16, 17, 19, 35, 40 e 51.

Un altro protagonista dei proverbi è, senza dubbio, il diavolo, retaggio, sicuramente, della nostra cultura cattolica. Eccolo quindi nella versione spagnola del numero 8, in due su tre versioni del numero 10, e nel numero 11. Il numero 32 ci presenta, a sorpresa, il diavolo nella versione inglese, ma non nelle altre, generalmente più legate alla cultura religiosa. E se il diavolo è un grande protagonista, Dio non può di certo essere da meno, sia nei proverbi ispirati alla Bibbia, sia negli altri, come vediamo nei proverbi 29 e 54.

Il numero 12 ci presenta, in varie salse, l’idea della pazienza come dote, così come già ha fatto il numero 5. In questo caso, l’inglese perde terreno contro i coloriti proverbi italiani e spagnoli, tra cui il meraviglioso “No por mucho madrugar, amanece más temprano”, da sempre il mio preferito. In un certo senso, anche il numero 13 segue la stessa linea.

Il numero 18 è un po’ particolare. Come si può vedere, la versione italiana e quella spagnola partono da punti di vista molto diversi: mentre per noi Dio prende tutte le decisioni, in castigliano l’uomo ha un ruolo più attivo. Nel caso dell’inglese, la prima opzione è molto poetica e carina, mentre la seconda è un caso di cui vorrei discutere. Le prime traduzioni che ho trovato sono state: God makes them and then matches them up, God makes them and they find each other e God makes them and they get together. Nessuna mi ha convinto, e sono andata a chiedere conferma a un madrelingua, che mi ha dato la versione che vedete nella tabella. Google non da troppi risultati che confermino, ma annovera almeno la citazione in un libro: Are you social? di Lorraine Chetwynd. Inoltre, la versione è molto più carina e naturale, e ho deciso di accettarla.

Il numero 21 è particolare, perché sia lo spagnolo che l’inglese parlano del letto, sicuramente importante in generale per il benessere di chiunque. La parte interessante è, però, la seconda opzione spagnola. Non ho trovato grandi conferme, e gradirei che mi diceste se l’avete mai sentita, se si usa ed è comune. Ho voluto includerla in ogni caso perché la ritengo rappresentativa di una cultura, quella spagnola, più diretta e meno puritana di quella italiana. I temi escatologici non sono assolutamente un tabù, l’ho visto tante volte in conversazioni a tavola con persone molto diverse in situazioni molto distinte, e non mi stupisce che i proverbi ne facciano fede.

Il numero 24 è degno di nota perché fa riferimento a una pratica antica usata in Europa e, in seguito, nelle colonie americane. Qui, per punire qualcuno, gli si versava addosso della pece calda, lo si copriva di piume e lo si portava in giro per il paese per umiliarlo. Questa pratica era conosciuta col nome di tarring and feathering.

Il numero 29 è uno dei numerosi esempi di proverbi che esistono identici nelle varie lingue perché derivano dalla Bibbia. In questo caso, credo che la citazione fosse più lunga e parlasse di prendere una vita per una vita, un occhio per un occhio e un dente per un dente. La parte della vita viene eliminata, ma è ripresa da Tony Christie nella sua I did what I did for Maria, in cui dice: “Take an eye for an eye, and a life for a life, and somebody must die for the death of my wife”.

Il numero 40 non lo conoscevo in italiano, ma è famoso in spagnolo, grazie anche a Lope de Vega, que lo usò per intitolare una sua commedia, El perro del hortelano, appunto. In questo caso, possiamo anche vedere qualcosa di tipico, specialmente in inglese: l’usanza di abbreviare i proverbi fin quasi a perdere la maggior parte di essi. Si dice, per esempio, “dog in the manger” invece del proverbio completo, o “two great minds” per “two great minds think alike” (in questo caso, che avevo imparato e usavo spesso quando ancora internet non era così diffuso, per tanti anni non ho mai saputo come finisse la frase). In realtà, anche le altre lingue fanno la stessa cosa, come in “de gustibus” per “de gustibus non est disputandum”.

I numeri 46 e 52 sono altri due esempi tratti da grandi della letteratura. In inglese, infatti, è Shakespeare chi ci presenta il suo “All that glisters is not gold” nel Mercante di Venezia, mentre Dickens cita “self-praise is no recommendation” in Our mutual friend.

Il numero 50 è un chiaro retaggio di una cultura ancestrale che, mi dispiace dirlo, è ancora fin troppo viva in molti posti. Non solo quello, ma promuove un comportamento che non può essere positivo in nessun senso, come ben ci insegna Márquez in Cent’anni di solitudine.

Il numero 55 ci dimostra che “it depends” dai punti di vista: chi ha il papa, parla del papa, e chi ha il re, parla del re. In sostanza, il significato è sempre lo stesso: “Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto… chi ha dato, ha dato, ha dato… scurdámmoce ‘o ppassato”!

Per chiudere in bellezza, un proverbio, il numero 56, che mi ha sempre accompagnato, e che non è mai stato così vero come adesso. Ovviamente, non si può non pensare al film “Never say never again” di 007, il cui titolo non ha nulla a che fare con la storia, ma è semplicemente un vezzo di Sean Connery. Se ho incluso questo caso, però, è per un motivo molto più profondo e personale. La versione spagnola, infatti, molto lontana dalle altre, è uguale a quella sarda, che i miei genitori usavano spesso, dicendo: no faidi a nai “da cust’acua no ‘ndi bufu”.