Mistakes and typos 2

I don’t know if by chance or by mistake, but finally I have found the folder with the pictures of mistakes that I have collected during the years, a good mix of Italian and English examples. Since I have several cases, I will split them according to languages. Let’s go for English this time, old and new jewels!

Maybe clean, maybe not

1

We don’t force our staff to do their job, freedom of choice is our policy!

Danger!

2

I guess it will be the grammar police!

Dismanting bikes…

3

 

and words, so they can fit better in our trains and brains!

The importance of being Earnest

4

If One asks, you have to be earnest, you can’t spit frivolously in front of the Queen!

Don’t just protect it,

5

Protect it CLEAN!

No fear…

6

of bad grammar and spelling!

Perfect presents…

7

include: Grammar books, spelling books, proofreading vouchers, and so on!

And they just need to check Facebook to know that

Post errori

Try the new “Letters diet”! 

 

9

10

 

We don’t reduce calories, we cut vowels and add consonants, and you lose your fluency in a matter of weeks!

Killing him again

8

Maybe 007 only lives twice, but Kurt Cobain (Oh, yes, we are talking about Curco Vein here) certainly dies twice, or every time someone spells his name in this fashion!

Advertisements

Mistakes and typos

I have been thinking about writing this post since quite a while, but I could not really get myself to do it. It is not the feeling of being doing the same thing that everyone does everywhere on the Internet, because I think that, if I find some weird signs, I have to share them. The main reason why I waited for so long is that I wanted to be able to browse my DVDs with old picture to have a nice portfolio; the problem is: I could not find some of them. Finally, I decided that what I had was enough, maybe not to create real categories, but at least to start something that can stay open as a series of posts, or as a post with attached mistakes in the comments.

Here for you are some examples. Let’s start with what I would call “separated at birth”

Presentation 2

Presentation 3

One needs the apostrophe but lacks it, the other one has a spare one: let’s join forces!

***

“Captain Obvious”

Where else

Not to be splitting hairs, but if the hole is outside, don’t we call it just “surrounding space”?

***

“Say whaaaat?!”

S/W Ver: 85.83.E2P

If you are as good with my hair as you are with spelling, we really have a problem!

***

“Let’s try them all, one must be right!”

Presentation1

They really don’t like E as a letter, so they are not comfortable using it: “Irish whiskey”, you nailed it; “Scotch whisky”, as well; now, you had 50% of chances of “US whisky” also being correct, but you weren’t that lucky! Same with “liqueur”, the principle followed must be: “one of the two must be right, let’s risk it!”

***

“Eternal love doesn’t exist”

No comment

David Ruffin would say: “It’s not that I don’t love you, you know how much I do” but forever is a long time!

***

“Common roots”

Common roots

How can I frown when someone says “Spanish and Italian are basically the same language, aren’t they?” I mean, they look pretty similar here!

***

“Foreign influence”

Borrowing from English

After all, maybe, English words are taking too much space in the Italian language. Honestly, I am pretty sure we could use Italian synonyms to say the same thing!

If these are the signs of the times…

I have waited a little while before writing this post, and the reason is simple: why should I talk about it, if everyone has already expressed his opinion? But then, I said to myself: “Why not? What the…!” Of course, I am talking about the scandal of the sign language interpretation during Mandela’s funeral. In fact, there is very little to add to what has been said: it has been incredibly disrespectful towards a huge part of the society that has to deal with a disability. Moreover, it has been an international shame for a country which past has endured enough shame (believe me, on a much smaller level, but I know about international shame caused by my own country and its leaders!) Honestly, I think it is fairer towards who still hasn’t seen the images, to share this other video, which features a real, professional interpreter, and shows what the phoney one was actually saying.

Let’s agree on something: Catherine Tate in this video is far more professional than that guy when interpreting!

All that said and done, what I really want to talk about is the sign language, which is incredibly interesting, as any other language. During the year I spent studying in Soria, I was lucky enough to take part to some really interesting activities and courses, and among them there was also one that gave me an introduction to the Spanish Sign Language, LSE by its acronym in Spanish. As every other language so different from mine, it was a positive shock and a great surprise to learn how this one thinks the world and structures the reality. Prejudices or misconceptions often make us think that this is no more than a way to try and overcome a difficulty, but it is a proper language, exactly as the other ones that we speak, with its rules and the capacity for expressing abstract ideas as well as concrete ones. Also, it is wrongly thought that there is only one sign universal sign language while, generally, each country has its own one, and some have more than one (in Spain there is the LSE, the LSC in Catalonia, and more different ones, like the one in Aragon.) Of course, my knowledge is limited not only by the level of the course I followed, but also by the fact that I can only speak about the LSE and have no knowledge whatsoever about the rest of sign languages, including the English one.

Something that is obvious from the beginning is that the sign language is different from the oral languages for the fact that the first one is visual and gestural, while the second ones are acoustic and vocal. Moreover, the fingerspelling alphabet is the one used to complement the sign languages. One of the most interesting things to find about sing language for me was the structure of the dictionary, which is made of pictures showing the signs for the different words, and it was really funny for my class to do our own little dictionary with the words we learnt during the course to keep practising them. If you are interested in learning more about sing language, or in learning to speak it, you can check online the different associations and see what they offer near you. Here you have the link to the British Sign Language.

Harry Potter and the Deathly Translations

harry-potter-dining-hall

Salve a tutti, eccomi nuovamente qua, dopo vari giorni di silenzio, a farvi i miei auguri di buone feste e a regalarvi questo post, acido come sempre. È da un po’ che stavo pensando di scriverlo, ma poi abbandonavo sempre il progetto, per un motivo o per un altro. Sicuramente, la difficoltà del tema non ha aiutato, e neppure l’esempio che volevo citare, quello della saga di Harry Potter, che mostra scelte traduttive azzardate e, spesso, altamente criticabili.

Sappiamo già che tradurre, contrariamente a ciò che tanti dicono, non è una cosa facile, non basta conoscere due lingue per essere un traduttore. Veramente, neppure conoscere due lingue è cosa da poco (sto parlando di conoscerle realmente, non di essere capaci di andare in un bar in un paese straniero e comprare due succhi di frutta, quello lo so fare anche in lingue che non conosco).

Durante i primi anni di scuola, imparando una lingua straniera, o anche solo il latino, abbiamo lavorato spesso a cosiddette traduzioni che, in realtà, erano semplicemente esercizi volti a imparare il vocabolario o a usare le regole di grammatica appena studiate. Non era altro che un lavoro di frammentazione di testi, spesso creati appositamente per quello scopo, frasi o capoversi decontestualizzati, trasferiti parola per parola nell’altra lingua. Questo tipo di lavoro è più simile a una vivisezione che a una traduzione. Per essere più precisi, credo somigli abbastanza alle lezioni di medicina in cui si sezionano i cadaveri: lo scopo non è quello di far funzionare nuovamente il corpo, solo di capire come funziona ogni singolo organo per poi essere capaci di curare o operare un essere umano vivo.

Per tradurre, servono tante competenze che non si acquisiscono automaticamente imparando una lingua, perché la traduzione non è un semplice travaso da un codice linguistico a un altro. In realtà, quella è la parte minore dell’attività traduttiva: tradurre è più un lavoro di mediazione tra due culture, a volte vicine ma non per forza; è trasmettere un messaggio in modo che il destinatario riceva tutto ciò che ha ricevuto il lettore originale; è ricreare, nella lingua d’arrivo, la stessa realtà che c’era nella lingua di partenza. Ci dice la professoressa Hurtado che la “traducción es […] un acto de comunicación complejo y hay que tener en cuenta todos los elementos que la integran en cada caso, ya que todos ellos participan en su desarrollo y la condicionan” (2001: 41), e Danica Seleskovitch afferma che “traduire signifie transmettre le sens des messages que contient un texte et non convertir en une autre langue la langue dans laquelle il est formulé” (Seleskovitch e Lederer, 1984 : 256).

Spesso, questo lavoro ci pone davanti delle scelte difficili, e sta al traduttore decidere quali di quelle, secondo lui, siano le più corrette, ben sapendo che, qualunque opzione prediliga, verrà contestato. Senza dubbio, una decisione spesso criticata, ma anche molto coraggiosa, è stata quella della versione italiana di Harry Potter. In questo caso, la traduttrice, al momento di lavorare al primo volume della serie, si è trovata davanti nomi propri con chiari riferimenti ai caratteri o all’aspetto dei personaggi e delle case, nomi comuni inventati, creature fantastiche e quant’altro. Il compito di rendere tutto ciò in italiano non era facile, perché il dubbio principale era se fosse preferibile lasciarli in originale, rispettando ciò che aveva creato l’autrice, ma facendo perdere tanto al lettore della traduzione, o adattarli alla lingua d’arrivo, inventando i nomi e avvicinandoli alla nostra cultura. In entrambi i casi, si sarebbe perso qualcosa. Inoltre, bisogna anche tenere in conto che quello era solo il primo di sette libri, e che gli altri sei non erano ancora stati scritti; quindi, ogni decisione poteva avere delle serie ripercussioni sulle traduzioni successive.

La scelta, dal mio punto di vista, non è stata sempre fortunata. Capisco, per esempio, le versioni italiane, seppure estreme, dei nomi dei personaggi, perché aiutano ad avere un’idea più chiara dei caratteri, cosa che l’originale non avrebbe ottenuto. Ci sono, comunque, decisioni dubbie, come quella di passare da Dumbledore a Silente, visto che le due idee sono abbastanza in contrasto e danno due visioni diverse del preside. Mi piace, invece, la traduzione di muggles con una parola come babbani che, seppure inventata, è formata secondo i criteri della lingua italiana, e rende la lettura molto più scorrevole di quanto non succeda con la versione spagnola, che ha tenuto l’originale.

Sono, invece, totalmente contraria alla scelta di usare i nomi delle contrade del Palio di Siena per le case di Hogwarts. Sono nomi già esistenti, strettamente legati a una realtà tipicamente italiana che nulla ha a che fare con quella del libro, e il loro utilizzo è semplicemente fuorviante, oltre che rischioso. Inoltre, esteticamente non richiamano i quattro simboli delle case originali, tanto che, nel quarto volume della saga, la traduttrice è costretta a cambiarne uno, perché l’emblema è totalmente diverso da quello usato dalla Rowling, e ad aggiungere una nota alla traduzione (che potete trovare qui) per spiegare il motivo del cambio.

In questo caso, probabilmente, sarebbe stato meglio non azzardare così tanto, e scegliere un nome, simile all’originale per assonanza e descrizione, che non creasse troppi problemi, visto che in questa saga nulla è lasciato al caso; la simbologia è molto importante, e modificarla anche solo in parte all’inizio rischia di causare una reazione a catena che può generare una valanga nell’ultimo libro. Nella riedizione dell’opera, avendo finalmente a disposizione la storia completa, e consapevole dei problemi, la stessa casa editrice italiana ha deciso di apportare delle modifiche alla traduzione originale, in modo da rendere i libri uniformi e da limare le differenze con l’inglese, così come ci spiega l’editore in una nota sul sito.

Credo che l’autrice abbia preso troppo sul serio, portandola addirittura all’estremo, l’idea di equivalenza dinamica propugnata da Nida: non si è limitata ad avvicinare l’opera alla nostra cultura per renderla più intelligibile, ha direttamente trasferito Harry Potter, un libro chiaramente ambientato nelle terre britanniche contemporanee, in un mondo medievale italiano che nulla ha a che fare con l’originale.

In questo caso, penso che l’autrice si sia concessa una libertà eccessiva, ma è il mio punto di vista, visto che considero la traduzione come un’attività testuale e comunicativa, piuttosto che come un puro atto  comunicativo che prescinde dal testo di partenza pur di comunicare il senso in quello d’arrivo. So che molti non condividono le mie opinioni, e sono pronta ad accettare commenti e critiche, ma mi chiedo se sia vero ciò che ci dice Nida sull’equivalenza dinamica, e cioè che “as long as the change follows the rules of back transformation in the source language of contextual constituency in the transfer, and of transformation in the receptor language, the message is preserved and the translation is faithful” (Nida e Taber, 1982: 200), perché mi sembra che siamo un po’ lontani dalla fedeltà. Ma, in fondo, chi sono io per giudicare questo aspetto, soprattutto dopo aver chiamato il mio blog Une belle infidèle?

Traduttor non porta pena.

1

Chi di noi non si è sorpreso o non ha riso quando ha scoperto il titolo originale di un film, vedendo che non ha nulla a che fare con quello italiano? Sicuramente ben pochi. Io stessa devo ammettere che questo tema ci ha fatto divertire più di una volta quest’estate, quando cercavamo di parlare di film con gli amici statunitensi, e avevamo sempre difficoltà a capire quali citassero loro. Dopo un paio di esempi, decidemmo che, spesso, il titolo italiano rivela direttamente la fine del film. È famosissimo il caso di The sound of music / Tutti insieme appassionatamente, ma a me piace anche Horrible Bosses / Come ammazzare il capo… e vivere felici. In realtà, ancora adesso, non passa una settimana senza che mi senta dire: “Have you seen this movie? Wait, in Italian it must be something like ‘He’s sick and he dies’”. Il problema non è il fatto che scherzino sulle traduzioni, ma che spesso ci azzecchino!

Fin qui, può sembrare che io sia un’altra che critica i traduttori audiovisivi per aver fatto un lavoro orrendo e aver rovinato un’opera d’arte. In realtà, con questo post vorrei proprio difendere questa categoria. Partiamo dal principio che il traduttore sia innocente, non perché io sia di parte (sì, anche per quello, ovviamente) ma, soprattutto, per altre due ragioni: primo, avrà avuto un buon motivo per fare quella scelta; secondo, siamo tutti bravi a ricordarci del traduttore se sbaglia una volta, ma quanti escono dal cinema e dicono “Complimenti per quella splendida battuta resa perfettamente in italiano”? E mi sto immaginando i traduttori che, mentre leggono questo, sorridono e bisbigliano “Io l’ho fatto”; la cosa triste è che è vero, lo facciamo; mentre ascoltiamo i dialoghi italiani, se ci piace una frase, nella nostra testa immaginiamo come potrebbe essere quella originale!

Perfetto, il secondo motivo serviva semplicemente a farvi sentire in colpa, ma è del primo che vorrei parlare più approfonditamente in questo post: avrà avuto un buon motivo. Ovviamente, non nego l’esistenza di quell’esigua percentuale di traduttori che non si sa perché siano finiti a fare quel lavoro, ma è un numero che non giustifica nulla, la ragione dietro certe scelte sfortunate è più seria, e cercherò di chiarirla.

Prima di tutto, non dobbiamo dimenticare che la situazione è diversa ora da quella che poteva essere quarant’anni fa, o anche solo venti, perché ora molti titoli restano in inglese, cosa che prima non succedeva. Questo può sembrare una fattore di poco conto, ma chiediamoci cosa avrebbe fatto un traduttore, trovandosi davanti un titolo come Full Monty, in un periodo in cui lasciarlo in inglese non era ben visto. Si sarebbe trovato in un bel dilemma, visto che il corrispettivo italiano non è così perfetto come l’espressione originale.

Un caso simile è quello, di cui esistono innumerevoli esempi, dei riferimenti culturali che complicano il lavoro del traduttore. Pensiamo a Walk the line, il meraviglioso film sulla vita di Johnny Cash; in italiano è Quando l’amore brucia l’anima. La scelta, estrema, non è totalmente criticabile, richiama in parte l’idea dell’originale e non rovina la fine (non dimentichiamo mai questo particolare); ciò che manca, però, è il richiamo alla famosissima canzone dello stesso Cash. Io ho il DVD in spagnolo, e si chiama En la cuerda floja, e il problema è lo stesso. Se devo essere sincera, ce l’ho da quattro anni, perché era in regalo con un giornale, ma l’ho visto solo due settimane fa, perché prima non avevo idea di cosa parlasse. Quando ho scoperto il titolo originale, la prima cosa a cui ho pensato è stata quella canzone, a cui sono molto affezionata, e, dopo essermi informata sul film, non ho esitato a guardarlo. Avevo bisogno del riferimento implicito nel titolo originale? Sì, e non credo di essere l’unica, e mi dispiace che si sia perso nelle traduzioni, nonostante capisca la difficoltà di tenere un titolo come Walk the line per il pubblico italiano o spagnolo. In quei casi, accetto, per esempio, la scelta di aggiungere un sottotitolo: Walk the line – La vita di Johnny Cash non mi sarebbe dispiaciuto. È la tecnica che è stata usata, per esempio, in Good Will Hunting, che in italiano diventa Will Hunting – Genio ribelle per l’impossibilità di tenere il gioco di parole inglese (però un po’ mi state rivelando cosa succede nel film, siamo sinceri).

Passiamo ora a un altro esempio che mi è tanto caro: Pirates of the Caribbean – The curse of the Black Pearl, che in italiano è La maledizione della prima luna. Dove sono finiti i pirati? Dov’è il richiamo all’attrazione dei parchi Disney da cui la storia e molte scene sono tratte? Tutto sparisce per parlare di una maledizione qualunque, e questo nonostante sia incredibilmente facile fare una traduzione letterale mantenendo il riferimento presente nell’originale. Il problema, in questo caso, è più grave, perché il film apre una trilogia (o anche più di tre film, purtroppo) che ha bisogno di un filo conduttore; questo, in italiano, si perde fin dall’inizio.

Sinceramente, quella è stata una scelta sfortunata che si accoda a tanti altri esempi di sequels con titoli che nulla hanno a che fare con i film che li hanno prededuti: Terapia e pallottole e Un boss sotto Stress per Analyze This e Analyze That; la serie Die hard che, dopo Trappola di cristallo e 58 minuti per morire, ha dovuto capitolare e accettare di includere qualcosa di comune a tutti anche in italiano, visto che non sembravano intenzionati a smettere di fare altri episodi. In questo caso, ho notato che il DVD presenta il primo film come Die hard – Trappola di cristallo, mentre la locandina del 1988 aveva solo il titolo italiano. La stessa cosa, ovviamente, succede con La maledizione della prima luna, ribattezzato Pirati dei Caraibi – La maledizione della prima luna per l’uscita in DVD. Ripensamento tardivo o tentativo di salvare il salvabile? Un po’ l’uno e un po’ l’altro, probabilmente. Una cosa è sicura, quando c’è un problema di questo tipo coi film, e sono necessari cambi negli episodi successivi, non si può fare come per i libri, e aggiungere una nota del traduttore per spiegare le proprie ragioni, come è successo, per esempio, nella versione italiana del quarto libro su Harry Potter (fatto che non voglio spiegare qua ma che, statene pure certi, non mancherà di essere trattato in futuro).

Un caso particolare è quello di Eternal Sunshine of the Spotless Mind, che diventa Se mi lasci ti cancello. La citazione di Pope, che credo venga anche usata nei dialoghi, ha sicuramente delle traduzioni più che accettabili in italiano. Stravolgendo così tanto il titolo, la versione italiana fa pensare a una commedia “alla Julia Roberts”, come le chiamo io, ricordando esempi come Se scappi ti sposo / Runaway bride, cosa che poco ha a che fare con il genere del film di Gondry, correggetemi se sbaglio. Perché, allora, eliminare un riferimento culturale così facile da tradurre, visto che qualcuno l’ha già fatto per noi? Perché non si conosce l’opera? Ne dubito, visto che viene citata nello stesso film, il motivo dev’essere un altro, e ci stiamo arrivando.

So di star citando solo esempi che sembrano mettere in cattiva luce il traduttore, ma non è così. È risaputo che, purtroppo, questo non è poi così libero di agire come si può pensare; se già le agenzie e i clienti, a volte, impongono limiti, ci si può immaginare la pressione esercitata, nel caso del cinema, dalle case produttrici e di distribuzione. Se loro dicono che qualcosa deve essere in un modo, ci sono poche proteste che valgano, chi paga ha ragione, e agisce in base al mercato. Quindi, non mi stupisce che la macchina della distribuzione sia la colpevole di scelte come quella di abbandonare un verso di Pope per prediligere un titolo romantico e sdolcinato (siamo sinceri, questo è il genere di film che ha successo, molto più di uno che si presenta con una citazione culturale); e così anche nel caso di Walk the line, la scelta è tra richiamare subito la vita dissoluta di un personaggio complicato o puntare sull’amore… ovviamente, si sceglierà di mettere la parola amore nel titolo per attirare un buon 15% di spettatori in più.

Un esempio lampante di questa tendenza è, secondo me, The Brothers Grimm, in italiano I fratelli Grimm e l’incantevole strega. Siamo sinceri, il ruolo di Monica Bellucci è marginale (per durata e qualità), e non vedo alcuna utilità nell’includerla nel titolo, a meno che non sia una questione di soldi. In Italia, si è parlato tanto della sua partecipazione e, probabilmente, i detentori del potere decisionale speravano che fosse un richiamo per una certa fascia di pubblico che, altrimenti, non sarebbe mai stata interessata a quel tipo di film.

In sostanza, autoproclamati esperti in traduzione che vi dedicate a insultare i traduttori in blog e pagine internet, perché non ve la prendete un po’ con lo spettatore medio e i suoi gusti (o la mancanza di gusto) quando si tratta di televisione o di cinema? Sappiate che lui è più colpevole del traduttore per i titoli che tanto vi urtano!

Ricordo che, durante una conferenza, ci parlarono anche di esempi di traduzioni di dialoghi che, in spagnolo, non avevano senso perché letterali, ma che erano state comunque imposte dal produttore perché rispettavano l’originale; ho cercato di ritrovare questi casi tra i miei appunti ma, purtroppo, non li avevo segnati. Mi farebbe un immenso piacere se qualcuno che ha seguito con me il convegno di Soria sulla traduzione audiovisiva, o chiunque conosca dei casi simili, li presentasse.

Il mondo del cinema è pieno di traduzioni assurde, e sarà sempre così, e spero di continuare a scherzare sui titoli come ho fatto fino a oggi. Però, è giusto riconoscere i meriti e le colpe a chi li ha. Sia che si tratti di sottotitoli o di doppiaggio, i nostri professionisti sono bravissimi, e lo dimostrano le migliaia di film i cui dialoghi ci sembrano naturali e non sentiamo come traduzioni. Se i traduttori commettono degli errori (e i titoli raramente rientrano tra questi), non è perché sono degli incapaci che sono capitati lì per caso, è perché sono umani, così come lo sono i grandi registi nonostante non notino un orologio al polso di un centurione romano in una scena in costume. I traduttori sono solo degli intermediari che fanno un ottimo lavoro, e lo fanno nonostante le condizioni imposte, pensateci bene prima di criticarli ancora!