MacroLenguando, que también es gerundio

Compañeros lenguantes y lectores de este blog:

Me tomé unos días antes de publicar esta entrada, pero no han sido para descansar. Hace ya más de una semana desde que empezó el Foro Internacional del Español en el IFEMA, ya ahí ha estado Knotty. Lo que os voy a contar, más que un análisis de las actividades, va a ser un relato personal de mi estancia y una manera para agradecerles a los amigos y a los organizadores todo lo que han hecho.

En realidad, para mí el evento era Macrolenguando más que el FIE en general. Ha sido algo diferente de los otros encuentros lenguantes, tanto por los la actividades organizadas como por el sitio elegido y la duración; los dos días que suele durar Lenguando han sido cuatro esta vez, con talleres y charlas, pero también con actividades más atípicas.

Por razones de viaje y trabajo, no pude asistir a los talleres del jueves, el primer día, pero he oído opiniones maravillosas sobre el de Fernando Navarro, al que quisiera haber asistido si hubiera tenido tiempo. Para uan descripción más específica, aquí le pido oficialmente a mi amiga Mercedes, de MPR Medical Translator, que escriba su propio artículo si quiere, porque sería interesante.

El viernes fue desde luego un día mucho más lleno de actividades para mí, empezando por el taller de interpretación telefónica de Gabriel Cabrera a las 10 de la mañana. Poco hay que contar sobre Gabriel y su manera divertida de presentarse, pero para mí era la primera vez que asistía a uno de sus talleres y tengo que admitir que no solo merecía la pena, sino que también el tiempo voló y ni nos dimos cuenta de haber estado ahí durante cuatro horas. La parte más interesante en mi opinión fue el hecho de poder ver la manera en la que trabaja él y lo que les requiere a sus intérpretes; yo he sido incluída también en el listado de intérpretes de una agencia que se dedica a este tipo de servicios, pero aún no he tenido la ocasión de trabajar con ellos, y este taller ha sido una manera para comparar estilos y requerimientos. Tanto a nivel técnico como de protocolo, el estilo es muy diferente, y considero muy positivo el hecho de haber podido comparar ambos y aprender también las diferentes maneras de enfrentarse a la tarea y al cliente entre España y otros países. Para concluír, la fase práctica en la que improvisamos unas interpretaciones entre los asistentes ha sido una buena ocasión para ponernos a prueba, siempre pasándolo bien.

Casi sin tener el tiempo de respirar, nos fuimos a la charla de mi querida Valeria Aliperta y su Freelance Box on tour. Echamos de menos a Marta, pero la tarde fue muy interesante de todas formas. Unos consejos eran nuevos, y unos más bien la repetición de las clases del January Business Camp de Marta misma, pero fue útil refrescar las nociones al mismo tiempo que añadíamos algunas nuevas y sacábamos unas ideas nuevas para promocionarnos de manera más efectiva y para tener claros y perseguir nuestros objetivos profesionales. La charla se alargó casi una hora más de lo previsto pero, una vez más, no nos dimos cuenta del tiempo.

El sábado fue un día particular. Sentí mucho que nos alargáramos en el viaje y no nos diera tiempo llegar a IFEMA para el taller de monólogos, pero sí llegamos para el desfile de cerebros que transformó la Pasarela Cibeles en Pasarela Cervantes. Entre una broma y una prueba, nos preparamos para desfilar y presentarnos como profesionales de la lengua. Entre bloques, las intervenciones de Miguel de Cervantes, Lope de Vega y Francisco de Quevedo fueron defendiendo las letras y la lengua castellana. La tarde prosiguió con la entrevista a Mario Vargas Llosa y la presentación de los monólogos que ganaron el taller, momentos que, así como la pasarela, pueden ser vistos en YouTube. La entrevista fue una charla amistosa que dio mucho que pensar sobre el papel de los medios de comunicación y de las nuevas tecnologías tanto en la información como en la defensa de la lengua española.

Después de un día tan largo, estuvo el evento con el nombre mejor de todos: Lenguante hasta que el cuerpo aguante, lo que significa pasar unas hora en buena compañía en la sede de coLenguando, que es incluso más bonita que lo que se imaginaba desde las fotos. Señores, una vez más os habéis superado en organizar un evento genial, y siempre es un placer coincidir con vosotros. Tengo celos de todos los que irán a Valenguando, pero lo seguiré en el Twitter. Mientras tanto, aquí van los enlaces de la pasarela (servidora en el minuto 49:30):

de la entrevista a Vargas Llosa:

y de los monólogos:

Para acabar, este es mi vídeo personal de una estancia maravillosa, gracias a todos por haberme hecho pasar unos días tan bonitos y, si no queréis vuestras fotos por ahí, solo tenéis que decirmelo y se arregla:

Don’t forget to keep being naughty, Knotty surely will!!!

Advertisements

La gente critica la tilde diacrítica

Hace unos días encontré este artículo entre los publicados por mis contactos en Facebook. Como suele ser, no pude evitar expresar mi opinión, y aquí estoy. Por todos los recuerdos que este tema me trae, el post está dedicado a uno de mis profesores de español a quien le tengo mucho cariño: Manolo.

Recuerdo haber sufrido por las tildes españolas como cualquier estudiante italiano que sabía que, de equivocarse en cinco o más acentos en el dictado, no iba a aprobar el examen. Empecé a estudiar español en 2000, en Cagliari, y tuve profesores de todo tipo. Quien me dio clase de lengua al principio era un hombre desagradable como pocos, y sus métodos no eran mejores. Aprendí mucho, y muchas cosas inútiles también. Como he dicho, corría el año 2000, y la tilde diacrítica de “solo” era una de las normas básicas para nosotros. Creo que, si él hubiera podido anular un examen solo por el hecho de no ver acentuado el adverbio “solo”, lo habría hecho, a pesar de que esa ya no era la regla desde 1992, si no me equivoco. Sin duda, no lo era en 1999, según podemos ver en la página 29 de esta Ortografía, lo que quiere decir que nos estaban obligando a seguir una regla obsoleta.

Yo nunca tuve problemas en los exámenes de español, pero no puedo no preguntarme si, entre las decenas de estudiantes que cada año no aprobaban, había quien habría aprobado de haberse respetado la postura real de la RAE. Además, todos podéis imaginar mi sorpresa al llegar a mi primer año de carrera en España y oír todos mis profesores decir que la Academia ya no nos obligaba, y que ya no teníamos que acentuar el adverbio “solo”. Al principio, ya que solo era un consejo, me dije que yo seguiría acentuándolo, porque con lo que me había costado aprenderme las reglas, no iba yo a arriesgarme a no poner tilde para, a lo mejor, descubrir que sí había ambigüedad y habría tenido que ponerla. Creo que respeté esta decisión durante media clase, hasta que el gran Manolo dijo algo como: “Y si se escribe bien, nunca va a haber ambigüedad.” Eso era bastante para hacerme tomar otra decisión: nada de tilde, iba a acabar escribiendo bien, que ¡por eso estaba allí!

Estamos ahora en 2014, y encuentro este artículo en el que la RAE “reconoce su derrota” en este sentido, y me pregunto ¿por qué os cuesta tanto aceptar que la Academia simplifique algo que era excesivo y no necesario? También ¿por qué tanto quejarse de que el DRAE sigue aceptando almóndiga, si luego no os importa cuando cambia algo? En serio, ¿vais a ser más papistas que el papa?

 

Proverbi.

Dopo molto tempo, eccomi di nuovo qua. Da tanto volevo pubblicare questo post, e da un po’ ci sto lavorando, cercando di includere il maggior numero possibile di proverbi e di trovare le versioni più adatte nelle varie lingue. Questa selezione non si presenta come completa, tutt’altro, e non vuole essere un elenco sistematico. Per ora, semplicemente, è una lista dei detti più comuni per me, quelli che ho sentito da sempre, in una lingua o in un’altra, e quelli che uso più spesso. In alcuni casi, non sono sicura delle versioni che ho trovato; vi sarei quindi grata se voleste correggere eventuali errori, suggerire altre opzioni e, come no, aggiungere altri casi su cui potrei lavorare.

Ovviamente, non voglio solo incollare la lista che ho preparato, per quello ci sono già tanti blog e siti più o meno utili. Il mio intento è quello di partire da questi proverbi per analizzare fattori culturali e linguistici, perché cosa più della saggezza popolare può essere specchio della società? Qualcuno potrebbe dire che della società di un tempo ormai lontano, ma io non sono d’accordo, per due motivi: prima di tutto, perché vedo nel mio piccolo che la mentalità è cambiata ben poco durante i secoli; e poi, perché “l’uomo è un animale abitudinario”, tanto per citare un detto che, probabilmente, verrà incluso nel post gemello di questo e dedicato però, appunto, ai modi di dire e alle frasi fatte. Includo qui la tabella, ma non sono soddisfatta dell’impaginazione, quindi allego anche una versione in PDF per maggiore facilità: Proverbi 1.

Italiano Español English
Meglio un uovo oggi che una gallina domani

Non lasciare a domani quello che puoi fare oggi Chi ha tempo non aspetti tempo

Más vale pájaro en mano que ciento volando

No dejes para mañana lo que puedes hacer hoy

A bird in the hand is worth two in the bush

Don’t put off until tomorrow what you can do today

A buon intenditore, poche parole Al buen entendedor, pocas palabras bastan A word is enough to the wise
Chi troppo vuole, nulla stringe Quien mucho abarca, poco aprieta Jack of all trades, master of none
Il mattino ha l’oro in bocca A quien madruga, Dios le ayuda Early to bed, early to rise, makes a man healthy, wealthy and wise

The early bird gets the worm

La pazienza è la virtù dei forti La paciencia es la mayor de las virtudes Patience is a virtue
Del senno di poi son piene le fosse Es fácil mostrar sabiduría cuando ya no hay remedio It’s easy to be wise after the event
Il lupo perde il pelo ma non il vizio Aunque la mona se vista de seda, mona se queda A leopard can’t change its spots

You can’t teach and old dog new tricks

Gallina vecchia fa buon brodo

La sapienza è figlia dell’esperienza

Más sabe el Diablo por viejo que por Diablo Old bull knows best
Non dire gatto se non l’hai nel sacco

Fare i conti senza l’oste

No conviene vender la piel del lobo antes de haberlo cazado

No conviene vender la piel del oso antes de haberlo cazado

To count one’s chickens before they’re hatched

To reckon without one’s host

Si parla del diavolo e spuntano le corna Hablando del rey de Roma, por la puerta asoma Speak of the devil and he doth/shall appear
Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi El diablo hace la olla, pero la tapa The devil teaches us his tricks but not how to hide them
La fretta è cattiva consigliera

La gatta frettolosa fece i gattini ciechi

Chi va piano, va sano e va lontano

No por mucho madrugar, amanece más temprano

Vísteme despacio que tengo prisa

Las prisas no son buenas consejeras

Haste make waste

More haste, less speed

La notte porta consiglio Antes de hacer nada, consúltalo con la almohada Night is the mother of counsel
Nella botte piccola c’è il vino buono Los buenos perfumes se conservan en frascos pequeños Good things come in small packages
Volere la botte piena e la moglie ubriaca No se puede estar en misa y repicando

No se puede hacer tortilla sin cascar los huevos

To want to have one’s cake and eat it too
Tanto va la gatta al lardo, che ci lascia lo zampino La curiosidad mató al gato Curiosity killed the cat
Can che abbaia non morde Perro ladrador, poco mordedor Barking dog never bites
Dio li fa, poi li accoppia Dios los cría y ellos se juntan Birds of a feather flock together

God hatches them and God matches them

A caval donato non si guarda in bocca A caballo regalado no le mires el dentado Do not look a gift horse in the mouth
Tutte le strade portano a Roma Todos los caminos llevan a Roma All roads lead to Rome
Chi è causa del suo mal pianga se stesso Quien mala cama hace en ella yace

Según come el mulo, así caga el culo

As you make your bed, so you must lie on it
Chi la fa l’aspetti Lo que se siembra, se cosecha If you do the crime, you have to do the time

What goes around comes around

Il riso abbonda sulla bocca degli stolti La risa abunda en la boca de los tontos Abundant laughs in the mouth of the foolish
Non si può fare di tutta l’erba un fascio No se puede poner en el mismo saco manzanas y naranjas To tar someone with the same brush
L’erba del vicino è sempre più verde En tu casa no tienes sardinas y en la ajena pides gallina The grass is always greener on the other side of the fence
Paese che vai, usanze che trovi Allá donde fueras, haz lo que vieras When in Rome, do as the Romans do

Different folks, different strokes

Tale padre, tale figlio De tal palo, tal astilla Like father, like son
Non si finisce mai di imparare Nunca te acostarás sin saber una cosa más You live and learn
Occhio per occhio, dente per dente Ojo por ojo y diente por diente An eye for an eye and a tooth for a tooth
Non tutte le ciambelle escono col buco Al mejor cazador se la va la liebre You can’t win them all

Win some, lose some

Non c’è rosa senza spine Todas las medallas tienen su reverso Every rose has its thorn
Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quello che lascia ma non sa quello che trova Es mejor lo malo conocido que lo bueno por conocer Better the devil you know than the devil you don’t know
Le bugie hanno le gambe corte No hay mentira que no salga

Primero cae un mentiroso que un cojo

Truth will out
La ruota gira per tutti A cada puerco le llega su San Martín Every dog has his day
Chi dorme non piglia pesci Camarón que se duerme, se lo lleva la corriente The early bird catches the worm
L’occasione fa l’uomo ladro La ocasión hace al ladrón Opportunity makes a thief
Non tutti i mali vengono per nuocere No hay mal que por bien no venga Every cloud has a silver lining
Una mela al giorno toglie il medico di torno Por día una manzana es cosa sana

Una manzana al día, del médico te libraría

An apple a day keeps the doctor away
Ciò che giova a uno nuoce a un altro Nunca llueve a gusto de todos One man’s meat is another man’s poison
Essere come il cane dell’ortolano, che non mangia e non lascia mangiare Ser como el perro del hortelano, que ni come ni deja comer Like the dog in the manger/gardener’s dog that neither eats cabbage himself nor lets anybody else (Dog in the manger)
Le disgrazie non vengono mai sole A perro flaco, todo son pulgas It never rains but it pours
Chi ben comincia è a metà dell’opera Obra empezada medio acabada A good start is half the battle
In casa di calzolaio non si hanno scarpe En casa del herrero, cuchillo de palo The shoemaker’s son always goes barefoot
Chi la dura la vince El que sigue la consigue Practice makes perfect
L’abito non fa il monaco El hábito no hace al monje Clothes don’t make the man
Non è tutto oro quello che luccica No es oro todo lo que brilla All that glisters is not gold
Acqua passata non macina più Agua pasada no mueve molino  That’s water under the bridge
Occhio non vede, cuore non duole Ojos que no ven, corazón que no siente What you can’t see can’t hurt you
Ride bene chi ride ultimo El que ríe el último ríe mejor He who laughs last laughs longest (British)

He who laughs last laughs best (American)

Mogli e buoi dei paesi tuoi Cada oveja con su pareja Better we over the mixen than over the moor
Una rondine non fa primavera Una golondrina no hace verano One swallow doesn’t make a summer
Chi si loda si imbroda A quien de ajeno se viste bien pronto lo desvisten Self-praise is no recommendation
A mali estremi, estremi rimedi A grandes males, grandes remedios Desperate times call for desperate measures
Aiutati che il ciel t’aiuta A Dios rogando y con el mazo dando Do your best, God will do the rest

Heaven helps those who help themselves

Morto un papa, se ne fa un altro A rey muerto, rey puesto The king is dead, long live the king

There are plenty more fish in the sea

Mai dire mai Nunca digas “de esta agua no beberé” Never say never

Iniziamo dal primo, che vuole contrastare l’indomita pigrizia umana, così come il numero 4. Nel primo caso, abbiamo diverse versioni con lo stesso significato, e le traduzioni sono abbastanza simili. L’unico motivo per cui ho raggruppato questi in un’unica fila, mentre l’altro è separato, è perché credo che, nonostante il senso ultimo sia lo stesso, il secondo esempio sia più precisamente ristretto alle ore della giornata, mentre gli altri vogliono presentare una verità generale, applicabile alle decisioni della vita. Il numero 4, inoltre, è una traduzione letterale del proverbio latino Aurora aurum in ore habet, mentre lo spagnolo ci presenta Dio come protettore di chi si alza presto. L’inglese, come sempre, è più poetico, e punta sulle assonanze consonanze per esprimere lo stesso concetto in modo più secolare.

Il numero 3 è un esempio di come, a volte, sia impossibile indovinare certi proverbi in altre lingue, perché quello inglese è completamente diverso dalle versioni italiana e spagnola. L’idea che esprime è quella del non esagerare con le pretese, ripetuta anche nel numero 15.

Il numero 7 è abbastanza interessante, perché ci presenta, in versioni molto diverse, la stessa verità, e lo fa con uno stile molto simile. Come spesso accade, i vizi e le virtù umane vengono trasferiti sugli animali, quasi a voler credere che non abbiano nulla a che fare con noi. Questo tipo di personificazione è molto comune, la troviamo nella Bibbia, in Dante e nei maggiori poeti da sempre. In ogni caso, gli animali sono spesso presenti nei proverbi, per il semplice fatto di essere da sempre parte della vita degli uomini, come cibo, come strumenti da lavoro o come prede di caccia. Lo vediamo negli esempi 1, 4, 8, 9, 16, 17, 19, 35, 40 e 51.

Un altro protagonista dei proverbi è, senza dubbio, il diavolo, retaggio, sicuramente, della nostra cultura cattolica. Eccolo quindi nella versione spagnola del numero 8, in due su tre versioni del numero 10, e nel numero 11. Il numero 32 ci presenta, a sorpresa, il diavolo nella versione inglese, ma non nelle altre, generalmente più legate alla cultura religiosa. E se il diavolo è un grande protagonista, Dio non può di certo essere da meno, sia nei proverbi ispirati alla Bibbia, sia negli altri, come vediamo nei proverbi 29 e 54.

Il numero 12 ci presenta, in varie salse, l’idea della pazienza come dote, così come già ha fatto il numero 5. In questo caso, l’inglese perde terreno contro i coloriti proverbi italiani e spagnoli, tra cui il meraviglioso “No por mucho madrugar, amanece más temprano”, da sempre il mio preferito. In un certo senso, anche il numero 13 segue la stessa linea.

Il numero 18 è un po’ particolare. Come si può vedere, la versione italiana e quella spagnola partono da punti di vista molto diversi: mentre per noi Dio prende tutte le decisioni, in castigliano l’uomo ha un ruolo più attivo. Nel caso dell’inglese, la prima opzione è molto poetica e carina, mentre la seconda è un caso di cui vorrei discutere. Le prime traduzioni che ho trovato sono state: God makes them and then matches them up, God makes them and they find each other e God makes them and they get together. Nessuna mi ha convinto, e sono andata a chiedere conferma a un madrelingua, che mi ha dato la versione che vedete nella tabella. Google non da troppi risultati che confermino, ma annovera almeno la citazione in un libro: Are you social? di Lorraine Chetwynd. Inoltre, la versione è molto più carina e naturale, e ho deciso di accettarla.

Il numero 21 è particolare, perché sia lo spagnolo che l’inglese parlano del letto, sicuramente importante in generale per il benessere di chiunque. La parte interessante è, però, la seconda opzione spagnola. Non ho trovato grandi conferme, e gradirei che mi diceste se l’avete mai sentita, se si usa ed è comune. Ho voluto includerla in ogni caso perché la ritengo rappresentativa di una cultura, quella spagnola, più diretta e meno puritana di quella italiana. I temi escatologici non sono assolutamente un tabù, l’ho visto tante volte in conversazioni a tavola con persone molto diverse in situazioni molto distinte, e non mi stupisce che i proverbi ne facciano fede.

Il numero 24 è degno di nota perché fa riferimento a una pratica antica usata in Europa e, in seguito, nelle colonie americane. Qui, per punire qualcuno, gli si versava addosso della pece calda, lo si copriva di piume e lo si portava in giro per il paese per umiliarlo. Questa pratica era conosciuta col nome di tarring and feathering.

Il numero 29 è uno dei numerosi esempi di proverbi che esistono identici nelle varie lingue perché derivano dalla Bibbia. In questo caso, credo che la citazione fosse più lunga e parlasse di prendere una vita per una vita, un occhio per un occhio e un dente per un dente. La parte della vita viene eliminata, ma è ripresa da Tony Christie nella sua I did what I did for Maria, in cui dice: “Take an eye for an eye, and a life for a life, and somebody must die for the death of my wife”.

Il numero 40 non lo conoscevo in italiano, ma è famoso in spagnolo, grazie anche a Lope de Vega, que lo usò per intitolare una sua commedia, El perro del hortelano, appunto. In questo caso, possiamo anche vedere qualcosa di tipico, specialmente in inglese: l’usanza di abbreviare i proverbi fin quasi a perdere la maggior parte di essi. Si dice, per esempio, “dog in the manger” invece del proverbio completo, o “two great minds” per “two great minds think alike” (in questo caso, che avevo imparato e usavo spesso quando ancora internet non era così diffuso, per tanti anni non ho mai saputo come finisse la frase). In realtà, anche le altre lingue fanno la stessa cosa, come in “de gustibus” per “de gustibus non est disputandum”.

I numeri 46 e 52 sono altri due esempi tratti da grandi della letteratura. In inglese, infatti, è Shakespeare chi ci presenta il suo “All that glisters is not gold” nel Mercante di Venezia, mentre Dickens cita “self-praise is no recommendation” in Our mutual friend.

Il numero 50 è un chiaro retaggio di una cultura ancestrale che, mi dispiace dirlo, è ancora fin troppo viva in molti posti. Non solo quello, ma promuove un comportamento che non può essere positivo in nessun senso, come ben ci insegna Márquez in Cent’anni di solitudine.

Il numero 55 ci dimostra che “it depends” dai punti di vista: chi ha il papa, parla del papa, e chi ha il re, parla del re. In sostanza, il significato è sempre lo stesso: “Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto… chi ha dato, ha dato, ha dato… scurdámmoce ‘o ppassato”!

Per chiudere in bellezza, un proverbio, il numero 56, che mi ha sempre accompagnato, e che non è mai stato così vero come adesso. Ovviamente, non si può non pensare al film “Never say never again” di 007, il cui titolo non ha nulla a che fare con la storia, ma è semplicemente un vezzo di Sean Connery. Se ho incluso questo caso, però, è per un motivo molto più profondo e personale. La versione spagnola, infatti, molto lontana dalle altre, è uguale a quella sarda, che i miei genitori usavano spesso, dicendo: no faidi a nai “da cust’acua no ‘ndi bufu”.

Pasqua e Pasquetta in Italia e dintorni.

uova_pasqua_13

spain-flag

 Haced click sobre la bandera para la versión española

L’idea per questo post mi è venuta da una chiacchierata con Álvaro, ed è la logica continuazione dell’articolo sulle tradizioni natalizie di qualche mese fa. In realtà, stavo cercando di prendermi un po’ di tempo prima di riscrivere qualcosa sul blog, non per mancanza di ispirazione, visto che ho già il materiale pronto per almeno due pubblicazioni. Il problema è che il caso precedente ha realmente provato i miei nervi, come probabilmente si noterà leggendolo, e sentivo proprio il bisogno di una pausa catartica per recuperarmi da ciò che, sembrerà sciocco dirlo, è stato una fatica fisica ancor più che intellettuale.

Se la catarsi si sta facendo attendere, l’ispirazione ha deciso di tornare, e io qua a obbedire, e a parlarvi delle tradizioni pasquali della mia terra, quelle ancestrali e quelle moderne, ma anche di quelle della Spagna, che per tanti anni mi ha visto sul proprio suolo in questo periodo dell’anno. Come sappiamo, la Pasqua è una festa religiosa che dipende dai fenomeni astronomici per la propria determinazione. Per questo motivo, le celebrazioni vedono intrecciarsi usanze cristiane e laiche, con qualche punta di consumismo, a cui ormai non si scappa.

Partiamo dalla Settimana Santa, quella che inizia con la Domenica delle Palme, e vediamo che riti l’accompagnano. La domenica che precede la Pasqua è quella della benedizione delle palme; tutti si recano in chiesa per la messa portando delle palme, grezze o decorate con intrecci e fiori, e dei rametti di olivo, perché il prete li benedica. Al mio paese, in particolare, dopo la messa del fanciullo (mi chiedo se qualcuno la chiami ancora così), si va in processione dalla parrocchia al santuario di Santa Vitalia, e lì, nel piazzale della chiesa, avviene la benedizione, seguita dalla messa solenne.

Il resto dei riti sono quelli tipici religiosi, comuni anche ad altri paesi: il Giovedì Santo il lavaggio dei piedi, il Venerdì Santo la crocefissione, il Sabato Santo la cerimonia della luce e la domenica S’Incontriu, la processione in cui Gesù risorto incontra la Madonna. La cerimonia del Venerdì Santo è spesso chiamata Su Scravamentu, ed è la rivisitazione della crocefissione. In Spagna, le celebrazioni sono simili, solo più in grande stile, e si comincia dal venerdì che precede la Domenica delle Palme. Ogni giorno fino alla Pasqua è dedicato a una confraternita, che organizza la processione, e a ognuna di queste corrispondono un colore e un abito particolari.

Per quanto riguarda le tradizioni pagane, o laiche, una a cui sono particolarmente affezionata è sa maxia de sa fa (la cura delle fave, N.d.T.), così come si chiama a casa mia. È la colazione tipica di Pasqua, e consiste in uova sode, salsiccia secca e coccoi, un pane sardo a pasta dura. Non è una tradizione esclusivamente sarda, il mio nonno toscano la rispettava, e così fanno anche tanti altri amici di varie parti della penisola, magari con diversi tipi di pane. Un’altra usanza, sempre legata al pane, è l’uovo di Pasqua dei nostri antenati: s’angui, o coccoi cun s’ou, un coccoi particolare cotto con uno o più uova intere in mezzo alla pasta; è una specialità buona ed elegante allo stesso tempo.

Easter Sunday (1)Coccoi_cun_s'ou

Per quanto riguarda i pasti, il Venerdì Santo, come tutti gli altri venerdì di Quaresima, non si mangia carne; questa sembra una tradizione rispettata anche nel Regno Unito, in cui le usanze per il periodo pasquale sembrano veramente scarse, secondo quanto mi ha detto una collega al lavoro; pregherei chiunque abbia più informazioni di fornirmele. Il Sabato Santo si cerca di rispettare comunque i pasti leggeri e senza carne, e arriviamo così alla domenica di Pasqua che, per mia sfortuna, prevede un menù che non mi piace per nulla, come quasi tutti quelli delle feste: brodo di carni miste con formaggio fresco (diceva mia madre che il giorno di Pasqua il brodo sarà sempre buono, indipendentemente dalla cura e da ciò che si usi per farlo), e carne di maialetto e agnello. Come dolci, ci sono l’uovo di cioccolato, la colomba, un pandoro con la forma dell’uccello della pace, e le pardulas, un dolce meraviglioso che può essere fatto di ricotta, formaggio fresco o entrambi. 10

Come ho detto, la Spagna festeggia queste giornate in modo molto simile. Un cibo tipico pasquale, almeno in Catalogna, è la coca o mona de Pascua, un dolce mangiato in tante occasioni; fatto di pan di spagna decorato con frutta candita e uova incrostate nella pasta, così come succede con le anguis sarde. Questo dolce è simile al roscón de Reyes di cui avevo parlato ne post sulla Befana (tra le altre cocas famose, ci sono quella di Sant Joan e la buonissima coca de vidre, più sottile e croccante, così chiamata perché l’anice versato sul dolce ancora caldo crea uno strato cristallino sulla superficie.) mona-de-pascua-tradicional

Il Lunedì dell’Angelo, comunemente chiamato Pasquetta, è ancora festa in Italia, ed è la giornata consacrata alla scampagnata, con il tipico picnic in campagna o al mare. Non sarei chi sono e non verrei da dove vengo se non citassi Su Pranu, la campagna del mio paese che, per generazioni, ha accolto e continua ad accogliere i serrentesi per quest’occasione. In Spagna, questa giornata non è sempre festiva ma, spesso, segue delle tradizioni simili alle nostre. Nelle Canarie, è comunque la giornata dedicata alla gita fuori porta e alla spiaggia, mentre a Salamanca si festeggia qualcosa di simile il lunedì successivo alla Pasquetta, è il famoso Lunes de Aguas. Il re Felipe II decise che il clima festivo e gioviale di Salamanca era eccessivo per la Quaresima, ed emanò un editto che cacciava le prostitute dalla città per tutto il periodo e fino al lunedì successivo al primo lunedì di Pasqua. Le prostitute esiliate dovevano stare oltre il fiume, e tornavano in città proprio accolte dagli studenti che le traghettavano da una riva all’altra, e da qui il nome della festa. Ora, per tradizione, ci si riunisce tutti lungo il Tormes per passare una giornata in compagnia di amici e parenti e per mangiare un delizioso hornazo, una focaccia ripiena di lonza, chorizo e pancetta. OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Queste sono solo alcune delle tradizioni che mi sono venite in mente, ma sarei grata a tutti voi se voleste condividere le vostre usanze. Per quanto mi riguarda, non vedo l’ora che arrivi la mattina di Pasqua per fare colazione come si deve!

La Befana vien di notte…


Italia       Francia        Spagna

Buon anno a tutti voi, spero che abbiate festeggiato in grande e che vi stiate godendo questi ultimi giorni incastrati tra una festa e l’altra. Per quanto mi riguarda, non sono neppure sicura di aver smesso di festeggiare da tre giorni fa!

Come avevo detto nella presentazione del blog, nei miei post parlerò di tutto ciò che si può collegare alle lingue, e credo che le tradizioni e il folklore dei vari paesi siano un tema da includere tra quelli da trattare. Tante volte è capitato di parlare con persone straniere delle feste natalizie, e di tirare in ballo la Befana. Immancabilmente, la risposta è stata: “Befana?!” È successo anche pochi giorni fa, e ho deciso di dedicare quest’articolo non solo a questa vecchietta che tanto piace a noi italiani, ma anche alle varie tradizioni dei paesi circostanti per il giorno dell’Epifania.

Ovviamente, iniziamo da casa nostra, spiegando chi sia la Befana e cosa faccia. È una vecchietta che prende il nome proprio dalla festa che si celebra il 6 gennaio. Befana è, infatti, una storpiatura della parola Epifania. Questa anziana signora somiglia a una strega, coi vestiti vecchi e logori, il naso adunco e la scopa volante, ma è buona e non fa magie (oltre a volare sulla scopa). La notte tra il 5 e il 6 gennaio, questa tenera nonnina porta dolci e frutta secca ai bambini buoni, e carbone a quelli cattivi. Così era in origine, prima che il consumismo sfrenato trasformasse anche questa tradizione in una nuova occasione per regali enormi e costosi come quelli natalizi, e così è ancora a casa mia!

In ogni città italiana, poi, c’è una diversa usanza per l’Epifania, e potete trovarle tutte su internet. Qua, io voglio solo citare quella di Cagliari, perché è vicina a me, e perché è una tradizione ammirevole (ovviamente, non avviene solo a Cagliari). Chiunque può offrire dei giocattoli ai vigili urbani che, travestiti, appunto, da Befane, li porteranno ai bambini ricoverati negli ospedali cittadini. È la famosa “Befana dei vigili urbani”. Ricordo che, prima, quando ancora non c’era la rotonda, i regali venivano accumulati a formare un’enorme piramide posta al centro dell’incrocio tra via Dante e via Paoli; qualcuno sa se si faccia sempre lì?

Quando iniziai a studiare francese, tra una preghiera e una poesia (preferirei glissare sull’argomento), studiammo anche alcune tradizioni di questo tipo seguite in Francia. Sembra che i vicini d’oltralpe festeggino mangiando la galette des Rois, così chiamata in onore ai Re Magi. Io sapevo che, in questo dolce, si nascondeva un anello, ma internet parla di una statuina di un re (cosa che mi sembra più sensata), mentre originariamente, ciò che veniva nascosto era semplicemente una fava. In ogni caso, chi trova la sorpresa nella propria fetta viene eletto re o regina della festa, e deve offrire un’altra galette. Così è come mi avevano spiegato la tradizione, ma sarei grata agli amici francesi se volessero correggere eventuali errori o spiegare più approfonditamente qualche particolare.

In Spagna, la tradizione è un po’ diversa. L’Epifania è una festa importante, e i regali più grossi li portano proprio i Re Magi, mentre Babbo Natale porta solo dolci e piccoli doni (ma, anche in questo caso, il consumismo sta cambiando le abitudini). Inoltre, nelle varie città, ci sono le tradizionali sfilate, le Cabalgatas de los Reyes Magos, in cui i carri portano i Magi in giro per le strade a distribuire caramelle a tutti. Ricordo ancora con nostalgia quelle alla ciliegia, buonissime, che lanciarono a Girona! Un’altra usanza spagnola è quella del Roscón de Reyes, un dolce soffice, a forma di ciambellone (un roscón, appunto), decorato con frutta candita, ma di cui, ormai, esistono tantissime varianti, farcite e non. Anche questi dolci, come quelli francesi, sono ispirati a quelli delle feste dell’impero romano.

Non so se siate stati bravi o no, ma non vi porterò carbone; il mio regalo della Befana per voi è, oltre a questo post, la filastrocca dedicata alla dolce vecchietta:

“La Befana vien di notte

Con le scarpe tutte rotte

  Col cappello alla romana

Viva, Viva La Befana!”

Questa è la versione che ho imparato da mia mamma, ma ce ne sono varie, che sostituiscono il cappello con il vestito alla romana, con le toppe alla sottana, ecc. Buona Befana a tutti!

“Hablemos el mismo idioma”, cantaba Wert.

Con este artículo me voy a meter en un lío, ya lo veo venir, pero no puedo pasar por alto las noticias de estos días en la prensa española, así como la amargura, por no decir el cabreo, de muchos amigos en las redes sociales. Voy a dedicarme, entonces, a la polémica sobre Wert y su Ley Orgánica de la Mejora de la Calidad Educativa, LOMCE por su sigla.

Tengo que admitir que mis ideas sobre idiomas son un poco particulares, tal vez difíciles de aceptar, pero quiero intentar acercarme a este tema de la mejor manera posible. Si no me equivoco, la ley quiere defender un modelo más igualitario de enseñanza de los idiomas (así es como la presentan, no como la defino yo, que quede claro). En España, la enseñanza de los idiomas cooficiales esta reglada por cada comunidad, e incluso en la misma comunidad puede haber diferentes modelos que coexisten según la zona o el tipo de escuelas. Esto es mucho, y es algo que otros estados quisieran. Lo que quiero decir es que el gobierno español, hasta hoy, ha dejado a las comunidades la libertad de decidir como incluir sus propios idiomas en la formación de los niños, cosa que países como el mío, para no buscar ejemplos lejanos, siguen soñando (bueno, en el mío estos idiomas no suelen ni siquiera estar incluidos).

Más que eso, este modelo, según parece, funciona, y no es en absoluto uno de los agobios de España. Sin embargo, en lugar de ocuparse de problemas más serios, que seguro que los tiene, el gobierno de Don Mariano propone una reforma que tendría que ayudar a los chicos a ser más competitivos. Para lograrlo, se quiere dar más espacio e importancia al castellano, una lengua con más difusión que las cooficiales a nivel internacional. Ya que no estoy por tierras ibéricas, ni tan metida en el problema, le ruego a quien sepa más que me diga si he entendido bien el proyecto o si me voy por mal camino.

Hasta aquí todo parece estar bien, el castellano es un idioma muy importante, con una gran difusión, y es justo que los niños lo aprendan bien, si no lo están haciendo, porque se debe hablar correctamente. Sin embargo, también parece que la ley, así como está formulada en su proyecto, le quita importancia a las lenguas cooficiales, rebajándolas al nivel de asignatura que ni siquiera es evaluable (están trabajando en modificar este punto, creo). Esto queda más feo, diría yo, porque, de momento, son troncales, tanto el castellano como las otras, si no me equivoco. Y también suena mal lo de “españolizar a los niños catalanes” que se oyó por ahí, porque me recuerda a cierto señor bajito “de cuyo nombre ahora no me quiero acordar” diría Sabina parafraseando a Don Miguel.

Lo que pienso yo es que un país debe reconocer sus riquezas y darles valor, sean estas las ciudades patrimonio de la humanidad o los idiomas. Si se tiene la suerte de tener unas lenguas cooficiales, cada una con su historia y su codificación, y la posibilidad de enseñarlas, hay que hacerlo, no solo para no perder unas raíces y una cultura que no se pagan con oro (y eso ya sería razón suficiente), sino también porque es una suerte increíble para los niños, cuyos cerebros no pueden que sacar provecho del criarse en un ambiente bilingüe. Que luego muchos acaben hablando mejor la lengua cooficial que el castellano no tiene nada que ver, puede que tuvieran malos profesores, o simplemente que no lo hayan estudiado como Dios manda. Aquí en Italia, hay cantidad de gente que habla italiano de manera espantosa de todas formas, sin enseñanza de lenguas cooficiales, así que no se le puede echar la culpa a los otros idiomas si uno no conoce el propio.

Esto lo digo a pesar de todas las veces que lo pasé mal porque alguien me echaba la bronca o, directamente, no me hacía caso por no hablar catalán, a pesar de que me podían entender y responder perfectamente en castellano. Eso era un gesto político, así como lo es la presentación de esta ley. Dudo que se quiera atajar realmente un problema social con este proyecto, lo que se quiere es dejar clara una posición política y atacar a ciertas partes de la sociedad, quitando derechos largamente esperados y duramente ganados. Nihil novi sub sole, ¿no os parece?